Categorie: News

Bufera su Salvini: ha incontrato Malofeev, l’oligarca russo nemico delle persone Lgbt

Sta facendo discutere da giorni il servizio di Report – intitolato La fabbrica della paura – sui legami della Lega con lo scandalo Metropol. Il partito di Salvini, infatti, secondo questa inchiesta avrebbe contatti con esponenti della politica e della finanza russa. Tra le persone citate nel report ricordiamo Konstantin Malofeev. Si tratta di un uomo d’affari russo molto potente – ovvero, un oligarca – nonché amico del braccio destro del leader leghista, Gianluca Savoini.

Gli insulti di Malofeev contro le persone Lgbt e i pride

Matteo Salvini

Le parole di Malofeev sulle persone Lgbt non sono per nulla benevole. Anzi, rientriamo pienamente negli insulti e nel disprezzo verso l’intera categoria. Come riporta Globalist, «è uno che quando parla di gay usa il termine dispregiativo di sodomiti». E non solo: «Definisce i gay una lobby che infetta il mondo», mentre i pride sono «manifestazioni che spingono verso l’omosessualità». Malofeev, ricorda ancora Globalist, «è uno dei finanziatori dell’internazionale ultra-tradizionalista che lega ambienti russi e ambienti americani, tiene insieme fascisti, ultraconrsevatori e vuole riportare l’umanità verso tempi oscuri».

Il nervosismo di Salvini

Sono diverse le inchieste giornalistiche pubblicate negli ultimi mesi a proposito dei legami tra la Lega di Salvini, settori dell’estrema destra e certi personaggi politici russi, Malofeev in testa. E proprio Salvini ha mostrato un certo nervosismo, quando gli è stato chiesto di chiarire i suoi legami con l’oligarca: «L’ho incontrato» ha ammesso, «ho incontrato centinaia di persone che non mi hanno mai dato una lira, quando incontro le persone non sono solito chiedere soldi». E precisa: «Se questo signore, Malofeev, pensa che i gay sono malati e le donne devono fare le casalinghe io dico che non è il mio pensiero». Sarà, ma a quanto pare è il pensiero di certi settori politici che con la Lega ci dialogano. E che vedono in essa il loro rappresentante politico in parlamento. E questo preoccupa e non poco.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Torino candidata per ospitare l’Epoa 2021: la prima volta per una città italiana

L'annuncio da parte del Coordinamento Torino Pride. E c'è il supporto di Roma e Milano.

30 settembre 2020

Legge Zan, si comincia il 20 ottobre: “Approviamola il 22”

"La discussione inizierà il 20 ottobre per approvare la legge il 22". Così, durante una…

30 settembre 2020

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020