Categorie: News

“L’omosessualità è una malattia. Si può guarire”: i deliri del leghista Cerelli

“L’omosessualità è un disordine. La norma è che agli uomini piacciano le donne ed a una donna piacciano gli uomini. Un disordine da un punto di vista naturale, perché l’organo sessuale maschile serve per essere inserito nell’organo genitale femminile e non in altri orifizi, dove e’ una forzatura”.
Questo uno dei passaggi dell’intervista, a La Zanzara su Radio 24, di Giancarlo Cerrelli, il segretario della Lega a Crotone autore del manifesto per l’8 marzo che ieri ha scatenato un vespaio perché accusato sessismo.

“Non abbiamo scritto che il ruolo della donna è quello di restare a casa ed accudire i figli. Ma per sua natura il ruolo della donna è essere madre. Invece oggi una donna che fa figli viene considerata una donna che non è normale”, spiega.

C’è differenza tra omosessuale e gay

“Sono delle persone, ma distinguo tra omosessuale e gay: omosessuale è colui che vive tranquillamente la propria omosessualità, mentre il gay è un agente politico, è colui che vuole imporre alla società delle leggi, un modo di sentire. Il problema – dice ancora – è che l’omosessualità è ormai è la page. Chi non è omosessuale è in qualche modo escluso da tante cose, quindi non c’è un problema di omofobia. Sono più discriminati gli eterosessuali che gli omosessuali”.

Le terapie riparative funzionano

“Il sesso tra uomini – osserva ancora – è contro natura. Certamente. Ci sono tanti omosessuali che ho conosciuto che avevano un disagio, delle vere pulsioni nei confronti delle persone del proprio sesso e poi hanno fatto delle terapie cosiddette riparative. Tante persone, omosessuali sia uomini che donne, omosessuali militanti che sono tornati etero, sono venute a dirmi di essere felicissime e di essere passate per le terapie. Dunque possono funzionare, sì. Mi hanno presentato i loro coniugi. Servono a guarire la ferita che soprattutto nell’omosessualità maschile è determinata dall’abbandono del padre, non avere una figura paterna di riferimento. C’e’ una riparazione di una ferita interiore”.
E se suo figlio fosse gay?: “Certamente non sarebbe una gioia. Ovvio che preferisco avere un figlio eterosessuale”

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023