Categorie: News

“L’omosessualità è una malattia. Si può guarire”: i deliri del leghista Cerelli

“L’omosessualità è un disordine. La norma è che agli uomini piacciano le donne ed a una donna piacciano gli uomini. Un disordine da un punto di vista naturale, perché l’organo sessuale maschile serve per essere inserito nell’organo genitale femminile e non in altri orifizi, dove e’ una forzatura”.
Questo uno dei passaggi dell’intervista, a La Zanzara su Radio 24, di Giancarlo Cerrelli, il segretario della Lega a Crotone autore del manifesto per l’8 marzo che ieri ha scatenato un vespaio perché accusato sessismo.

“Non abbiamo scritto che il ruolo della donna è quello di restare a casa ed accudire i figli. Ma per sua natura il ruolo della donna è essere madre. Invece oggi una donna che fa figli viene considerata una donna che non è normale”, spiega.

C’è differenza tra omosessuale e gay

“Sono delle persone, ma distinguo tra omosessuale e gay: omosessuale è colui che vive tranquillamente la propria omosessualità, mentre il gay è un agente politico, è colui che vuole imporre alla società delle leggi, un modo di sentire. Il problema – dice ancora – è che l’omosessualità è ormai è la page. Chi non è omosessuale è in qualche modo escluso da tante cose, quindi non c’è un problema di omofobia. Sono più discriminati gli eterosessuali che gli omosessuali”.

Le terapie riparative funzionano

“Il sesso tra uomini – osserva ancora – è contro natura. Certamente. Ci sono tanti omosessuali che ho conosciuto che avevano un disagio, delle vere pulsioni nei confronti delle persone del proprio sesso e poi hanno fatto delle terapie cosiddette riparative. Tante persone, omosessuali sia uomini che donne, omosessuali militanti che sono tornati etero, sono venute a dirmi di essere felicissime e di essere passate per le terapie. Dunque possono funzionare, sì. Mi hanno presentato i loro coniugi. Servono a guarire la ferita che soprattutto nell’omosessualità maschile è determinata dall’abbandono del padre, non avere una figura paterna di riferimento. C’e’ una riparazione di una ferita interiore”.
E se suo figlio fosse gay?: “Certamente non sarebbe una gioia. Ovvio che preferisco avere un figlio eterosessuale”

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ley trans, ok del governo: in Spagna si potrà cambiare genere dai 12 anni

Approvato in Spagna, dal Consiglio dei ministri, la cosiddetta ley trans. Si tratta di un…

27 Giugno 2022

Onda Pride, da Bologna ai pride siciliani le marce dell’orgoglio Lgbt+

Giornata densissima, quella di oggi, per le nostre marce dell'orgoglio. Ben otto i pride che…

25 Giugno 2022

Attentato in una discoteca gay, Oslo Pride annullato

Doveva essere il giorno dell'Oslo Pride, nella capitale norvegese. Un giorno di festa, un momento…

25 Giugno 2022

Polis Aperta esclusa dal pride, polemica sui social e nella comunità Lgbt+

Infuria sui social, e all'interno della comunità Lgbt+, la polemica sull'esclusione di Polis Aperta dal…

24 Giugno 2022

Repubblica al Roma Pride: era solo rainbow washing?

Era una notizia di qualche giorno fa: sia la Repubblica, sia La Stampa hanno partecipato…

20 Giugno 2022

De Mari condannata in appello per diffamazione contro la comunità LGBT+

Seconda condanna in appello per Silvana De Mari. Dopo quella dello scorso marzo, in cui…

15 Giugno 2022