Categorie: News

Berna, padre cerca di sgozzare figlio omosessuale

Bruttissimo caso di omofobia e di violenza denunciato da un ragazzo di Berna, Svizzera. Il padre avrebbe provato a ucciderlo con un coltello a causa della sua omosessualità. È stato lo stesso protagonista a decidere di raccontare la sua storia affidandosi a Instagram.

IL RACCONTO DI UNA NOTTE AGGHIACCIANTE

Seran, nome di fantasia, è un giovane Bernese di origine irachena. A Tio20minuti, testata d’Oltralpe, ha racconto di essersi svegliato trovando suo padre che gli puntava una lama di coltello sul collo. Il giovane ha raccontato che il padre gli avrebbero urlato «Sei gay? Sei gay?».
Seran si è letteralmente difeso con le unghie e con i denti, riuscendo poi a scappare dal balcone. Il trambusto ha destato l’interesse dai vicini che hanno chiamato polizia e ambulanza.
Seran ha riportato gravi tagli sul collo e sulla parte superiore del busto e ha dovuto trascorrere molto tempo ricoverato in un ospedale di Berna. La sua carotide non è stata recisa per un pelo, ma la sua trachea ha invece subito gravi danni: il giovane è stato tenuto per qualche tempo in coma farmacologico.

SONO PASSATI SEI MESI

L’aggressione è avvenuta più di sei mesi fa, ma adesso Seran ha deciso di raccontarlo. Adesso conduce una nuova vita, vive da solo e ha solo 17 anni. Alla testata 20 Minuti racconta che quella notte è viva nella sua mente anche grazie alle cicatrici che gli sono rimaste su collo, torace, braccia e schiena:«Le vedo allo specchio o quando faccio delle foto. Mi accompagneranno per il resto della mia vita», spiega.
Venendo da una zona rurale del Bernese Sera non si spiega come suo padre, fervente credente musulmano, sia venuto a conoscenza del suo orientamento sessuale: «Ho sempre nascosto la mia omosessualità alla mia famiglia».
Tante cicatrici e molti interventi chirurgici per migliorarle e guarirle lo attendono, ma Seran dice di stare bene: «Ora sono una persona più libera di prima».
Suo padre è stato arrestato e da allora i rapporti con la famiglia non stati più gli stessi: «Mia madre si vergogna per quanto successo. Mi sono nascosto abbastanza a lungo, ormai è finita».
«Siamo nel 2019 e mio padre voleva uccidermi perché mi piacciono gli uomini. Non posso proprio accettarlo». Per questo vuole essere da incoraggiamento per altri omosessuali di origine musulmana o islamica: «Chiedi aiuto se vuoi venirne fuori. E non farti schiacciare dalla tua famiglia».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020