Categorie: News

Uganda, 16 uomini arrestati e torturati con l’accusa di essere gay

L’Uganda sembrerebbe essere diventata uno dei posti più pericolosi al mondo per le persone omosessuali. Tra le conferme e le smentite sull’approvazione della legge “Kill the gays”, questo fine settimana la polizia ha arrestato e sottoposto a ispezione anale sedici uomini. L’accusa? Essere gay.

GLI ARRESTI

Diane Bakuraira, esponente del Sexual Minorities Uganda, ha raccontato alla Associated Press che questi uomini sono stati arrestati lunedì. Gli arrestati stavano partecipando ad un incontro di una associazione per i diritti civili vicino a Kampala, la capitale. Un agente di polizia avrebbe confermato l’informazione della Ap.

Accusati di “conoscenza canale contro natura”

La notizia di questi arresti, arrivata in un momento caldissimo, ha suscitato lo sdegno internazionale. «Le sedici persone arrestate se forzatamente sottoposte a ispezioni anali sono vittime di un odio crescente dovuto alla discussione della legge Kill the gays», ha raccontato Jessica Stern, International Executive Director dell’associazione OutRight . «Chiediamo alle autorità ugandesi di smettere di praticare ispezioni anali che sono equiparabili alla tortura – ha continuato Stern -; chiediamo di rilasciare chi è ancora in custodia e di assicurare che la tanto chiacchierata legge non venga approvata».
Giovedì, infine, i 16 uomini sono tornati in libertà, secondo quanto ha rivelato su Facebook l’associazione Let’s Walk Uganda. Tutti, però, sono accusati di “traffico di persone” e “conoscenza carnale contro l’ordine naturale”.

Il clima generale

La discussione di questa legge, sempre secondo Stern, avrebbe aumentato le possibilità di arresti arbitrari e di violenze. L’Uganda è un paese terribile dove essere omosessuali e profondamente ostile. Almeno tre uomini e una donna trans sono stati uccisi in crimini d’odio, mentre una donna è stata massacrata dal suo medico.  L’uomo sospettava che si trattasse di una donna lesbica.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020

Stonewall 50… in Poi: torna il festival Lgbt+ a Palazzolo Acreide

Torna il festival arcobaleno degli Iblei, l'11 agosto a Palazzolo Acreide in provincia di Siracusa.

31 luglio 2020

Guardami, nasce la campagna social per raccontare la comunità T

Dai moti di Stonewall a oggi ci hanno sempre mess* da parte, hanno sempre scelto…

31 luglio 2020