Categorie: News

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Bergoglio, sui diritti delle persone Lgbti+. La dichiarazione, destinata a far discutere all’interno della chiesa – e non solo – soprattutto all’interno delle sue frange più retrive, sono contenute all’interno di un documentario di Evgeny Afineevsky, che sarà presentato oggi alla Festa di Roma.

Un appello rivolto al mondo

Le persone omosessuali, dunque sono figlie «di Dio e hanno diritto a una famiglia» ha dichiarato il pontefice. «Nessuno» continua «dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo». Come riporta Repubblica.it, da cui si apprende la notizia, «non si rivolgono all’Italia e alla sua legislazione, ma al mondo. Il suo è un discorso ampio che vuole sensibilizzare anzitutto la Chiesa al suo interno su un terreno delicato e sul quale non tutti parlano lo stesso linguaggio».

La lettera della famiglia De Gregorio-Rubera a Bergoglio

La famiglia Rubera (AP Photo/Andrew Medichini)

Tutto sarebbe nato da una lettere di Andrea Rubera, papà arcobaleno che con il marito Dario De Gregorio hanno avuto tre bambini in Canada, attraverso la gestazione per altri. In quella missiva, Rubera aveva dichiarato il suo imbarazzo nel portare le sue due figlie e il loro fratellino in chiesa, dato il contesto generale, tradizionalmente poco aperto nei confronti delle famiglie omogenitoriali.

La testimonianza di Juan Carlos Cruz

Ancora, nel documentario, possiamo ascoltare la testimonianza di Juan Carlos Cruz, vittima di abusi sessuali e attivista. Presente alla Festa di Roma, con il regista del documentario, ha dichiarato di esser stato ricevuto da Bergoglio: «Quando ho incontrato papa Francesco mi ha detto quanto fosse dispiaciuto per quello che era successo». Il papa gli ha dunque detto: «Juan, è Dio che ti ha fatto gay e comunque ti ama. Dio ti ama e anche il Papa poi ti ama».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020