Categorie: NewsRainbow

Tutte le mobilitazioni italiane per le vittime di Orlando

La comunità lgbt italiana si mobilita in solidarietà alle vittime di Orlando e alle loro famiglie, per denuncire la violenza omofobica e l’orrore di quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica al Pulse. A comunicarlo è Arcigay che con un comunicato stampa rende note le date e gli orari delle commemoriazioni: stasera a Milano (Largo Donegani, ore 20) e a Napoli (piazza della Repubblica, ore 20) sono già in corso le due commemorazioni annunciate davanti alla sedi diplomatiche degli Stati Uniti.

Il presidente del Coordinamento Torino Pride durante la commemorazione

Alle 18, inoltre, si è svolto a Torino un presidio convocato dalla città con il sostegno di tutte le associazioni del Coordinamento Torino Pride. A Pavia, invece, Arcigay “Coming-Aut” ha invitato in piazza i cittadini e le cittadine questa sera, alle 21, in piazza Duomo, mentre a Parma la chiamata è in piazza Garibaldi, dalle 21.

Domani sono in programma presidi a Bologna (ore 19.30 ai Giardini di Villa Cassarini), a Perugia (ore 21 in Piazza della Repubblica), a Vicenza (ore 21 piazza dei Signori), a Potenza (ore 20 in piazza della Prefettura), a Salerno (ore 20,30 in Piazza Portanova), e a Foggia (ore 20.30 in Piazza Giordano). A Brescia la città si raccoglierà giovedì sera alle 21 in piazza Vittoria, mentre alle 21,30, sempre giovedì sera, le vittime di Orlando saranno ricordate a Livorno, in terrazza Mascagni. Sabato 18 il ricordo della strage aprirà il primo Varese Pride, alle 17, con l’intervento del viceconsole della sezione Public Affairs del consolato USA di Milano. Quella stessa sera alle 20 un’altra commemorazione è in programma a Taranto, in Piazza Maria Immacolata. Infine il Salento Pride ricorderà le vittime a Gallipoli domenica alle 13 al Led café.

“È giusto che in tutto il mondo, perciò anche in Italia, la comunità lgbt reagisca all’odiosa tragedia di Orlando ribadendo la propria visibilità – commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay -. In questo senso, non possiamo non aver notato la visibilità parziale che i media italiani hanno dato alla tragedia, svanita dai titoli di testa già dopo un giorno. Non solo: in pochi ma significativi casi, nemmeno i morti hanno fermato le solite penne intinte nello squallore, che sono state capaci di coniare titoli terribili su questa tragedia. E allo stesso modo non sono mancati gli omofobi rapaci, che hanno ritenuto perfino in questa occasione di dover esternare il loro odio, complice stretto dell’assassino”.

Condividi

Articoli recenti

Paesi sicuri, anche Cirinnà contro il decreto: «Che garanzie per migranti lgbt+?»

La senatrice dem chiede al governo di intervenire sulla questione dei migranti Lgbt.

13 novembre 2019

«I gay devono rimanere single e illibati»: si dimette cappellano scolastico

Per il religioso, se si vuole seguire Gesù bisogna essere o etero o celibi. Le proteste degli allievi e delle…

13 novembre 2019

Vendeva mojito al Pride di Modena: denunciata. Le ritirano il reddito di cittadinanza.

Vendeva alcolici senza licenza durante il Pride di Modena e le hanno revocano il reddito di cittadinanza. Protagonista della vicenda…

12 novembre 2019

Una scuola minaccia una ragazza di farle outing : gli studenti scioperano

Una scuola cattolica californiana minaccia di fare outing a una studentessa. Gli studenti non ci stanno e scioperano

12 novembre 2019

Uganda, ancora arresti ai danni della comunità Lgbt+

Non si ferma l’ondata di omofobia di Stato in Uganda. Mentre nel paese si rincorrono smentite e conferme sulla legge…

12 novembre 2019

«Gay» usato per insultare Gramsci: la scritta sul murale di Turi

La parola “gay”, vergata con la vernice rossa, come se fosse un’offesa, impressa sulla fronte di Antonio Gramsci. O meglio,…

11 novembre 2019