Categorie: Cool

Salento Rainbow Film Fest: il “festival-non festival” inizia oggi e parla di corpi liberi

Tutto pronto per la quarta edizione del Salento Rainbow Film Fest, il festival del cinema lgbt organizzato dall’associazione leccese LeA – Libertamente e Apertamente.
In programma da oggi al 17 marzo, il festival si svolgerà negli spazi del CineLab “Giuseppe Bertolucci”, grazie alla collaborazione con Apulia Film Commission che co-finanzia l’iniziativa, e anche delle Manifatture Knos, partner storico della rassegna.

Non solo cinema

Questa edizione del festival avrà un respiro regionale “grazie alla sinergia con i Cineporti di Puglia” fa sapere l’organizzazione. L’inaugurazione sarà, infatti, oggi a Foggia mentre domani, mercoledì 14 marzo, sarà la volta di Bari per poi entrare nel vivo con i tre giorni di fitta programmazione a Lecce, da giovedì 15 a sabato 17 marzo.
Un festival/non festival – lo definisce LeA – fuori dai circuiti canonici, che esiste per essere cassa di risonanza sulla cultura lgbtqi*, sigla che in realtà sta per persone, passioni, amori, tensioni, paure, aspettative, meraviglie, coraggio. E’ un progetto che mischia il cinema alla musica, alla danza, alla fotografia, all’illustrazione, alla letteratura, al teatro, al divertimento e alla volontà di fare qualcosa che abbia senso”.

“A corpo libero”

Una scena di “Pagani”

Il claim di questa quarta edizione è “A Corpo Libero” recita il claim di questa quarta edizione: il festival come occasione per esplorare gli altri, per entrare in ascolto, relazione. “Per rivendicare – spiegano ancora dall’organizzazione – l’esigenza di esprimere se stessi, i propri corpi, in maniera libera, trasparente, in qualsiasi contesto. Per andare oltre l’orientamento sessuale e l’identità di genere, e semplicemente creare connessioni fra le persone”.
Ed è proprio sulla scia di questo tema che sono stati scelti i film, i documentari, i corti, i libri, le mostre e le performance che animeranno i cinque giorni di festival.

Da Jo Coda a “Porno e libertà” passando per “Il padre d’Italia”

Si parlerà di paure, consapevolezze, coraggio e lotta ai luoghi comuni, con le proiezioni di Jo Coda e Giovanni Minerba rispettivamente nelle tappe di Foggia e Bari. E il corpo è tema portante delle “armate di sognatori che utilizzano la sessualità e il porno come strumento politico” come in “Porno e Libertà” di Carmine Amoroso. I corpi sono anche al centro di rituali religiosi che uniscono un popolo di devoti, generando relazione e senso di appartenenza comunitaria con “Pagani” di Elisa Flaminia Inno. E ancora di viaggi e di sogni, per ritrovare il contatto con se stessi e per confrontarsi con le proprie paure, raccontate da “Aeffetto Domino” di Fabio Massa e da “Il Padre d’Italia” di Fabio Mollo. Moltissimi gli appuntamenti del festival che potete leggere per intero qui.

Il festival e le scuole

Anche quest’anno il festival che anche quest’anno vedrà una forte presenza degli studenti e delle studentesse delle scuole superiori di Lecce e provincia. Circa duecento ragazzi del Liceo Artistico “Ciardo Pellegrino”, infatti, parteciperanno a due matinée con proiezioni riservate alle scuole e un gruppo della sezione audio-visivo dell’istituto che comporrà per il terzo anno la Youth Jury del festival. A coordinare ci sarà professor Dario Patrocinio e parteciperà anche un collettivo di studenti del Liceo “Capece” di Maglie e dell’associazione “Avanti Banzi”, nato dall’idea dei ragazzi del Liceo Scientifico “Banzi” di Lecce. Confermate anche per quest’anno la giuria del CineClub Universitario – guidata dal prof. Luca Bandirali – e quella delle associazioni del territorio che da sempre supportano il festival, impregnate nella valutazione della sezione dei lungometraggi e dei documentari.

I patrocini e le collaborazioni

La rassegna è finanziata dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale, nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia” ed ha ottenuto il patrocinio del Comune di Lecce, oltre ad avere ottenuto la collaborazione della Festa di Cinema del reale, dello Yalla Film Fest e di Shuffle Screening di TOC-Centre.

Condividi

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020