News

Parità di genere, binarismo e specismo: in Sicilia una piccola sartoria fa politica

I temi della parità di genere, dell’anti specismo e del non binarismo diventano centrali tra i pattern degli abiti confezionati da una stilista che ha deciso, dopo anni all’estero, di tornare in Sicilia e aprire una sartoria digitale: lei si chiama Laura Cimino e fa passare le lotte sociali dai tessuti.

Il mondo animale e il non binarismo

Dal pesce pagliaccio femmina, una per branco, che quando muore viene sostituita da uno dei maschi è uno dei maschi (che diventa femmina) alle scimmie del Bonobo, oranghi che hanno un’organizzazione matriarcale, al cavalluccio marino che può fare la transizione e comunque sono i maschi a occuparsi della riproduzione: gli animali presenti sui tessuti della sartoria sono espressione di quanto l’unica specie ad avere problemi con i generi, i ruoli e la fluidità è quella umana.

Classe 1980, Laura Cimino vive a Trappeto, poco distante da Palermo, dopo diversi anni trascorsi a Berlino: la sua tanto desidera sartoria nasce nel 2018 sotto il nome di “Mala Strella”. Si definisce ecologista e antispecista: ecco le due caratteristiche che influenzano il suo lavoro di artigiana.

L’armadio quindi si fa genderless

«I miei disegni sono legati a questi aspetti – racconta – parto dal mondo animale per arrivare all’essere umano. Nell’ultima collezione estiva il tema è il no binarismo, tutte persone che non si vedono in un genere binario. Partirò come al solito dagli animali. Ovvero vorrei indagare la differenza fra genere e sesso biologico, argomento piuttosto discusso, presente nel mondo animale. La collezione estiva prevede tre pattern di animali la cui identità non rientra nel binarismo di genere»

La nuova collezione prevede un vestiario genderless tra magliette ampie, salopette, short, costumi e teli mare. «Ero affascinata da questa tipologia di stampa che è il Pattern – racconta – motivo decorativo che è possibile replicare all’infinito, e mi da la possibilità di creare una fantasia, declinabile in varie combinazioni, partendo da un’illustrazione».

Un punto fondamentale per lei e per le sue produzioni è l’ecologia e così tra le sue molte ricerche trova un’azienda piemontese che stampa su stoffe naturali certificate e da la possibilità di passare dal disegno che lei fa a mano al digitale. Questa azienda certifica che i prodotti utilizzati per il processo di stampa sono ecocompatibili.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

A fuoco il locale che ospita il “BeQueer”, storica serata LGBT+ umbra

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre un incendio ha distrutto una parte…

23 Dicembre 2022

I 5 libri da regalare a Natale 2022

Siete a corto di idee per questo Natale 2022? Niente paura, come ogni anno Gaypost.it…

22 Dicembre 2022

Lettera di Famiglie Arcobaleno alla ministra Roccella: “Non è la lotteria del DNA che ci fa genitori”

Sta facendo molto discutere una recente affermazione della ministra della Famiglia Eugenia Roccella a proposito…

19 Dicembre 2022

Associazioni e attivistз trans*: “Il ministro Valditara tuteli la carriera alias”

Nei giorni scorsi si è consumato l'ennesimo attacco alla comunità trans+. Questa volta, a mettere…

15 Dicembre 2022

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022