Categorie: News

Secondo l’Oms le persone Lgbtq+ sono tra le più a rischio suicidio

Le persone Lgbtq+ sono tra quelle a più alto rischio di suicidio. A dirlo è l’Oms che in occasione della Giornata mondiale della salute mentale ha pubblicato una serie di dati.

SUICIDIO: 1 OGNI 40 SECONDI

Secondo quanto riporta l’Agenzia Dire ogni anno avvengono ottocentomila suicidi. Una persona ogni quaranta secondi. Tant’è che il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani (15-29 anni), soprattutto nei paesi a basso e medio reddito (79%). In Italia fortunatamente il tasso è tra i più bassi, con un caso ogni 100mila residenti (in calo), mentre la media europea è di 11 persone ogni 100mila.
Tra i giovani dai 20 ai 34 anni, comunque, il suicidio rappresenta una rilevante causa di morte (12% dei decessi).

I FATTORI DI RISCHIO

Sebbene il legame tra suicidio e disturbi mentali quali depressione o abuso di alcolici sia ben stabilito, molti suicidi si verificano in momenti di crisi, impulsivamente. Ulteriori fattori di rischio includono esperienza di perdita, solitudine, discriminazione, rottura di una relazione, problemi finanziari, dolore e malattia cronici, violenza, abusi e conflitti o altre emergenze umanitarie. Il più forte fattore di rischio per il suicidio è un precedente tentativo di suicidio. Inoltre, sperimentare conflitti, disastri, violenza, abusi o perdite e un senso di isolamento sono fortemente associati al comportamento suicidario.

LO STIGMA

Lo stigma che colpisce la malattia mentale e il suicidio è talmente diffuso da convincere le persone a non chiedere aiuto. Secondo l’Oms ci sarebbe una scarsa consapevolezza e sottovalutazione del suicidio come problema di salute pubblica. Fino ad oggi, solo alcuni paesi hanno incluso la prevenzione del suicidio tra le priorità di salute pubblica: soltanto 38 stati dichiarano di avere una strategia nazionale di prevenzione del suicidio. Anche la disponibilità e la qualità dei dati sul suicidio e sui tentativi di suicidio è scarsa. Solo 80 stati membri dispongono di dati vitali di registrazione di buona qualità che possono essere utilizzati direttamente per stimare i tassi di suicidio.
Per questo, l’Oms raccomanda un potenziamento del monitoraggio sui suicidi e sui tentativi di suicidio.

Fonte: Dire

Condividi

Articoli recenti

“Il governo è contro di noi”: lettera aperta di un’attivista transessuale

La lettera di un'attivista transessuale sul caso del Progynova, vera e propria tassa a danno della comunità.

16 novembre 2019

Trans ugandese vittima di aggressioni in campo rifugiati kenyano

Un ragazzo trans ugandese è stato ferocemente aggredito in un campo rifugiati del Kenya. Cresce la violenza in Uganda.

15 novembre 2019

Stipendio dimezzato perché gay: «Guadagnerai come le altre donne». Poi viene licenziato

«Non posso credere che tu guadagni quanto le altre donne dell'ufficio». Una storia di discrimazione, omofobia e gender gap

15 novembre 2019

Hiv: 15 mila persone in Italia l’hanno contratto e non lo sanno

L'1 dicembre, Giornata Mondiale della lotta contro l’Aids, si avvicina: a Roma incontoro su “Hiv, presente e futuro del paziente…

14 novembre 2019

Amnesty denucia: donne attiviste, gay e atei nel mirino delle autorità saudite

Amnesty International denuncia duramente il video diffuso dal Dipartimento saudita per la lotta all’estremismo nel quale sono stati inclusi femminismo,…

14 novembre 2019

TDoR: a Torino Star.T, la festa per celebrare i talenti trans

Torino lancia "Stra.T", la festa per celebrare le eccellenze trans con una formula inedita. Una serata organizzata dal Comitato Torino…

14 novembre 2019