Marche, la Lega accusa il progetto della Regione di proporre il “gender” a scuola

Ancora un caso di levata di scudi da parte della destra contro l’insegnamento della cosiddetta “teoria gender” nelle scuole. Stavolta succede nelle Marche e il caso finirà addirittura alla Camera.

W L’AMORE

Il nome del progetto incriminato è “W l’amore” e la sua esistenza proprio non è andata giù a due esponenti del Carroccio. A lanciare l’allarme “gender” sono state infatti la deputata Giorgia Latini e la consigliera regionale Marzia Malaigia. Durissima Latini che ha commentato come sia «assurdo che la Regione Marche sponsorizzi e finanzi un progetto rivolto ai ragazzi di 13-14 anni delle medie proponendo loro in primo piano la teoria gender, e non un naturale rapporto ragazzo-ragazza». Latini è vice presidente della commissione cultura alla camera dei Deputati. Per la Malaigia, «la prevenzione è un concetto universale e condiviso. Ma questo progetto è invece una forzatura sull’indicazione di scelte intime e relazionali che, nel caso di adolescenti di 13 e 14 anni, dovrebbero al contrario essere libere da condizionamenti e affidate esclusivamente alla sfera familiare».

LA REGIONE SI CHIAMA FUORI

L’assessore regionale alla Formazione, Istruzione e Lavoro Loretta Bravi

La Regione Marche fa un passo indietro e tramite l’assessora all’Istruzione Loretta Bravi si chiama fuori. «Neanche una riga di questo progetto è passata sulla mia scrivania», giura Bravi. Non solo fuori, ma anche molto critica, l’assessora fa sapere di non condividere «questa modalità di affrontare l’affettività con progetti che hanno dimostrato di non incidere positivamente sulla lotta all’omofobia e sul tema del rispetto della dignità della persona. Si tratta di una iniziativa dell’Ufficio Scolastico Regionale del direttore Filisetti che specifichiamo essere un organo territoriale del Ministero dell’Istruzione e non della Regione Marche come molti confondono. Non comprendiamo le polemiche della Lega visto che il progetto è avanzato proprio nei mesi in cui la Lega era al governo di quel Ministero».

UNA INTERROGAZIONE URGENTE

Il progetto, infatti, fa parte dell’offerta formativa delle Aree vaste dell’Amur nell’ambito del programma “Scuola e salute” dell’Ufficio Scolastico regionale. Il progetto si pone obiettivi che fanno riferimento alla definizione di salute sessuale data dall’Oms ed è rivolto a ragazzi e ragazze di 13-14 anni. Il percorso formativo in classe è composto da 5 unità: 4 svolte dai docenti, una da operatori sanitari. L’insegnamento di determinate materie nelle scuole desta da anni un discreto parapiglia. Così Luca Marconi, Udc, annuncia una interrogazione urgente.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020