Categorie: News

Il campione olimpico Kerron Clement ha fatto coming out

Nel 2016, alle Olimpiadi di Rio, ha vinto l’oro negli ostacoli. Oggi Kerron Clement ha deciso di venire allo scoperto.

IL COMING OUT

Il coming out del fortissimo atleta statunitense originario di Trinidad e Tobago è avvenuto in occasione del Coming out day, quando in una intervista alla rivista Out ha ammesso di essere «stanco di amare nell’oscurità». Clement ha anche aggiunto: «Ho passato quello che un sacco di altre persone hanno passato, ho avuto paura di essere chi sono. Ho lottato con la mia sessualità per diciassette anni. Nel tempo, quando invecchi, te ne importa meno. Adesso è tempo di essere me stesso ed essere libero. Ecco chi sono diventato: libero».
Nonostante il suo coming out sia stato difficoltoso in famiglia, ha raccontato di aver trovato molto supporto dentro e fuori alla pista di atletica.
Nel weekend ha affidato a Instagram un post con la bandiera arcobaleno con gli hashtag #pride, #gay, #befree #betrue.

CHI È KERRON CLEMENT?

Kerron Clement è da sempre un sostenitore dell’inclusività dell’atletica e nello sport. Vincitore dell’oro olimpico negli ostacoli sia alle Olimpiadi di Pechino che in quelle di Rio, ha preso parte insieme ad altri atleti alla campagna della Nike “BETRUE”.
Secondo Clement partecipare alla campagna, che rappresenta ogni tipo di inclusività nello sport, l’ha aiutato a trovare il coraggio di rendere pubblico il suo coming out.
«Ho un brand mondiale che mi supporta. È fantastico e spero che ogni altra azienda faccia quello sta facendo la Nike».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020