Categorie: News

Omofobia e transfobia punibili come il razzismo: primo passo in Svizzera

E anche la Svizzera prova a dire di no a omofobia e a transfobia, attraverso una decisione del Consiglio Nazionale che ha adottato una revisione del Codice penale in materia. Saranno vietate, secondo quanto prevede la nuova normativa, le discriminazioni basate sia sull’orientamento sessuale, sia sull’identità di genere, completando la norma penale sul razzismo. Secondo quanto prevede l’iter della Confederazione, la decisione finale spetta adesso al Consiglio degli Stati.

Reato paragonato al razzismo

Mathias Reynard

La decisione nasce dalla proposta dal consigliere socialista Mathias Reynard, che ha sottolineato il vuoto giuridico riguardo alle discriminazioni relative all’identità sessuale dell’individuo. Secondo la nuova normativa, il Codice penale potrà perseguire chi si macchia di reati per omo-transfobia. Fino ad oggi, invece, l’intervento dello Stato è previsto per affermazioni e atti che ledono la persona in virtù della sua appartenenza all’etnia, alla religione o al colore della pelle. A ritenere non necessario l’aggiornamento giuridico, i rappresentanti dei partiti cattolici.

Contro chi lede la dignità umana

Secondo la decisione del Consiglio nazionale, decisione votata con 98 voti a favore e con 83 voti contrari, le infrazioni alla norma – analogamente come avviene per i reati di razzismo – verranno perseguiti d’ufficio. Se qualcuno, perciò, attraverso le sue dichiarazioni lederà la dignità umana delle persone Lgbt, subirà un processo penale così come avviene per chi attacca un cittadino per la sua identità nazionale o religiosa. La palla passa adesso alla Camera alta, al Consiglio degli Stati, per diventare operativa.

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020