Categorie: Cool

Norm, l’uomo che ha girato il suo primo video porno a 83 anni

Norm è un uomo gay, ha 83 anni ed ha appena girato il suo primo video porno. Non per una delle tante piattaforme dove si possono vedere contenuti di questo genere, ma per un sito che si chiama Himeros.tv. La particolarità di questo sito è che il suo fondatore, lo youtuber Davey Wavey, lo ha creato con l’intento di “usare il porno per insegnare ai gay l’esplorazione sessuale, la connessione e l’estasi”.

I “sacred intimate” e la sessualità degli anziani

E il video girato da Norm rientra in questo progetto. L’uomo è quello che si definisce un “sacred intimate”, una sorta di guida all’intimità e alla sessualità e nel suo video di debutto è insieme a Blake Mitchell e Joey Mills.
“Capisco che la maggior parte delle persone non è abituata a vedere un 83enne in un film erotico – spiega Davey -. Non siamo avvezzi a pensare i nostri anziani in un contesto sessuale, per niente. E’ per questo che le persone ridono con le commedie di Betty White. Se avesse 20 o 30 anni, i suoi giochi sessuali non funzionerebbero allo stesso modo. L’humor è la parte divertente che arriva solo perché ha 96 anni. L’implicazione è che gli anziani non pensano al sesso, non sono sexy e certamente non fanno sesso. Naturalmente, nessuna di queste convinzioni è vera. Gli anziani pensano al sesso esattamente con tutti gli altri”.

“Se siete pronti a fare domande, lo siete anche per le risposte”

Insieme al video di Norm, Davey ne ha girato un altro, molto breve, in cui l’uomo dispensa la saggezza dell’età
“La vita – spiega – è un equilibrio tra ascoltare rispettosamente le persone che hanno età ed esperienza e usare la propria età e la propria esperienza per provare. ‘Questo sembra giusto per me?’. Quindi, se siete grandi abbastanza per fare domande, lo siete anche per cominciare a pensare di potere ascoltare le risposte quando arrivano e sapere se sono la verità o la propaganda ben presentata da qualcuno”.

“Le petit mort”

E sul sesso Norm dice: “In francese l’orgasmo si chiama ‘le petit mort’, la piccola morte. Io muoio per questo essere severo e ansioso. (…) Se possiamo liberarci dai giudizi morali a priori, dai giudizi prima dei fatti e iniziare a provare e chiederci ‘funziona?’, non dovremmo preoccuparci di tutte le regole e i regolamenti”.

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020