Categorie: News

Chiamare le persone trans giovani con il nome scelto riduce il rischio di suicidio del 65%

Chiamare i ragazzi e le ragazze trans con il nome che loro hanno scelto per se stessi riduce la possibilità che tentino il suicidio del 65 per cento. Lo rivela uno studio pubblicato sul Journal of Adolescent Health.
Lo studio, condotto dai ricercatori Stephen T. Russel e Amanda M. Pollitt del Dipartimento dello sviluppo umano e di Scienze della Famiglia dell’Università di Austin (Texas), Gu Li dell’Università della British Columbia (Canada) e Arnold H. Grossman dell’Università di New York, ha esaminato un campione di 129 ragazzi e ragazze transgender o di genere non conforme di tre città degli Usa. I ricercatori hanno valutato il loro uso del nome tra casa, scuola, lavoro e amici. Il dato è stato poi confrontato con la depressione e con l’idea e il comportamento suicidi.

I risultati

Il risultato non sorprenderà chi si occupa di questi temi da tempo: se paragonati a coloro che non possono usare il nome scelto in tutte le situazioni, coloro che invece possono farlo presentano segni di depressione inferiori del 71 per cento.
Inoltre, i ricercatori hanno osservato che i pensieri suicidi scendono del 35 per cento e i tentativi di togliersi la vita calano addirittura del 65 per cento.

Una migliore salute mentale

“Molti bambini che sono transgender hanno scelto un nome diverso da quello che è stato loro assegnato alla nascita – osserva Russel -. Abbiamo dimostrato che più sono i contesti o le situazioni in cui possono usare il nome che preferiscono, più la loro salute mentale è solida”.
Lo studio fa eco a diversi studi sui giovani e le giovani lgbt+ e il tasso di suicidio.

Il suicidio tra i giovani lgbt+

L’ultimo in ordine cronologico è quello dell’Università Bicocca di Milano secondo cui tra i giovani e gli adolescenti lgbt+ il rischio di suicidio è più elevato di 3 volte e mezzo che tra gli etero.
Nello specifico, sono proprio le adolescenti e gli adolescenti trans a correre il rischio maggiore, seguiti dai bisessuali e dagli omosessuali.

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020