Categorie: News

Nuovo allarme in Cecenia: “Gay, scappate prima possibile”

Torna l’allarme per le persecuzioni in Cecenia contro i gay. La denuncia arriva da un post sul social network russo VK pubblicato lo scorso 10 gennaio e che afferma che le persone lgbt+ che vivono in Cecenia devono scappare immediatamente.
“Chiediamo a chiunque sia libero di prendere molto seriamente questo messaggio e di lasciare la repubblica prima possibile – si legge nel post -. Vi chiedo di rivolgervi agli attivisti per i diritti umani, ai media, agli amici che possono aiutarvi”.
Gay Star News ha contattato Russian LGBT Network, l’associazione russa che si occupa fin dall’inizio della situazione in Cecenia, ed ha confermato la notizia.

Il presidente Mikhail Tumasov ha dichiarato che la persecuzione contro le persone omosessuali – sia uomini che donne – in Cecenia non si è mai fermata. Lo abbiamo sempre detto”.
“E’ cambiato lo stile e il ritmo, ma non si è m ai fermata – spiega -. Dallo scorso dicembre le forze dell’ordine hanno intensificato le loro attività. Stiamo facendo il possibile per aiutare le vittime, ma daremo ulteriori dettagli lunedì prossimo”.
L’associazione russa sta cercando luoghi scuri per dare ospitalità a queste persone e sta provando a farle scappare dalla Cecenia, oltre che a fornire loro cibo, vestiti e supporto psicologico.

Le prime notizie di persecuzioni e detenzioni illegittime di gay in Cecenia risalgono ad aprile 2017. Da allora si sono susseguite notizie preoccupanti sulla situazione in Cecenia, supportate dalle testimonianze raccolte da diversi organi di stampa internazionale, dalle terribili parole del presidente ceceno Kadyrov e dai racconti degli attivisti.
Alcune persone riuscirono a scappare e ad ottenere asilo in alcuni paesi che si resero disponibili ad accoglierli dopo che in tutto il mondo si organizzarono mobilitazioni. Ma di molti di loro non si è più saputo nulla.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020