Categorie: News

Nuovo allarme in Cecenia: “Gay, scappate prima possibile”

Torna l’allarme per le persecuzioni in Cecenia contro i gay. La denuncia arriva da un post sul social network russo VK pubblicato lo scorso 10 gennaio e che afferma che le persone lgbt+ che vivono in Cecenia devono scappare immediatamente.
“Chiediamo a chiunque sia libero di prendere molto seriamente questo messaggio e di lasciare la repubblica prima possibile – si legge nel post -. Vi chiedo di rivolgervi agli attivisti per i diritti umani, ai media, agli amici che possono aiutarvi”.
Gay Star News ha contattato Russian LGBT Network, l’associazione russa che si occupa fin dall’inizio della situazione in Cecenia, ed ha confermato la notizia.

Il presidente Mikhail Tumasov ha dichiarato che la persecuzione contro le persone omosessuali – sia uomini che donne – in Cecenia non si è mai fermata. Lo abbiamo sempre detto”.
“E’ cambiato lo stile e il ritmo, ma non si è m ai fermata – spiega -. Dallo scorso dicembre le forze dell’ordine hanno intensificato le loro attività. Stiamo facendo il possibile per aiutare le vittime, ma daremo ulteriori dettagli lunedì prossimo”.
L’associazione russa sta cercando luoghi scuri per dare ospitalità a queste persone e sta provando a farle scappare dalla Cecenia, oltre che a fornire loro cibo, vestiti e supporto psicologico.

Le prime notizie di persecuzioni e detenzioni illegittime di gay in Cecenia risalgono ad aprile 2017. Da allora si sono susseguite notizie preoccupanti sulla situazione in Cecenia, supportate dalle testimonianze raccolte da diversi organi di stampa internazionale, dalle terribili parole del presidente ceceno Kadyrov e dai racconti degli attivisti.
Alcune persone riuscirono a scappare e ad ottenere asilo in alcuni paesi che si resero disponibili ad accoglierli dopo che in tutto il mondo si organizzarono mobilitazioni. Ma di molti di loro non si è più saputo nulla.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Torino candidata per ospitare l’Epoa 2021: la prima volta per una città italiana

L'annuncio da parte del Coordinamento Torino Pride. E c'è il supporto di Roma e Milano.

30 settembre 2020

Legge Zan, si comincia il 20 ottobre: “Approviamola il 22”

"La discussione inizierà il 20 ottobre per approvare la legge il 22". Così, durante una…

30 settembre 2020

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020