Categorie: News

Berlino condanna l’assassinio dell’attivista lgbt Yelena Grigorieva: “La Russia faccia chiarezza”

La Germania condanna l’uccisione in Russia di Yelena Grigoriyeva, attivista per i diritti Lgbt, e chiede al governo russo di indagare per accertare se sia stata uccisa per il suo impegno politico.

Si faccia chiarezza

“Siamo molto preoccupati per le circostanze di questa morte”, ha detto il portavoce del Ministero degli Esteri tedesco Christofer Burger, riferendosi al fatto che Grigoriyeva ha avuto minacce. Ed ha chiesto un’indagine “trasparente ed imparziale”. “Ci aspettiamo in particolare che si chiarisca se l’uccisione di Grigoriyeva sia legata al suo impegno per la difesa dei diritti delle persone Lgbt” ha detto.

Minacciata insieme a Igor Kochetkov

Il corpo senza vita di Yelena Grigorieva è stato ritrovato ieri mattina a pochi centinaia di metri da casa sua a San Pietroburgo, in Russia. Dopo essere stata pugnalata in varie parti del corpo è stata strangolata e abbandonata dietro un cespuglio. I rappresentanti della Lgbt Network associano l’uccisione della donna alle attività del progetto omofobico Pila che si pone come obiettivo la «liquidazione dei gay». Poco prima dell’omicidio, sul sito di Pila il nome di Elena era stato aggiunto alla «lista nera» di persone per cui erano in serbo «regali molto pericolosi e crudeli». Insieme a Elena, il sito indica come obiettivi da colpire il direttore della rete Lgbtqi russa Igor Kochetkov e del centro risorse Lgbtqi a Ekaterinburg.

Le proteste e il silenzio dei media

Ieri sera si è tenuta una prima iniziativa di protesta a San Pietroburgo sulla Nevsky per ricordare Elena e chiedere sia fatta giustizia. Altre iniziative si terranno nei prossimi giorni in varie città della Federazione russa. Assordante invece il silenzio della tv di Stato e delle principali agenzie di stampa: la notizia dell’assassini.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020