Categorie: News

La Provincia nega il patrocinio al Dolomiti Pride, gli organizzatori: “È omofobia istituzionalizzata”

Niente patrocinio al Dolomiti Pride, il primo a tenersi in Trentino. Non dalla Provincia quanto meno, secondo il cui presidente, Ugo Rossi (eletto con una coalizione di centrosinistra), il pride “assume un aspetto più di folclore e di esibizionismo che sicuramente non apporta alcun contributo alla crescita e valorizzazione della società trentina e della sua immagine”.

La questione dei preservativi

Qualche giorno fa, il patrocinio della Provincia era finito al centro di una polemica animata dal consigliere di centrodestra Rodolfo Borga. Broga si è scandalizzato non tanto per la faccenda in sé quanto perché gli organizzatori parlano esplicitamente di distribuzione di preservativi “nei luoghi di aggregazione, scuole, centri di aggregazione giovanile, università e carceri”. Una cosa inaccettabile, per Borga, l’idea di diffondere una consapevolezza della prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili.

La risposta del Dolomiti Pride

Quella di Rossi, per gli organizzatori, è una posizione assimilabile a quella di Trump, rispetto alle questioni lgbt, contrapposto a Obama che ha riconosciuto lo Stonewall Inn come monumento nazionale.
Nel pomeriggio, il comitato che organizza il Dolomiti Pride ha risposto con una conferenza stampa.
“Ci offende profondamente come cittadini di questo territorio. E ci imbarazza – hanno detto gli organizzatori -. Offende noi, ma pensate cosa può voler dire per una persona che ha ancora timore a dichiararsi gay o lesbica il fatto che il presidente della Provincia dica cose del genere. Non è il presidente Rossi che deve dire alla comunità LGBT deve rivendicare la propria libertà e i propri diritti”.

Gli eventi collaterali e il contraddittorio

“Crediamo che il calendario di eventi culturali che abbiamo previsto sia di estremo valore e non crediamo che ci sia bisogno di contraddittorio su qualsiasi cosa” hanno aggiunto rispondendo ad alcune polemiche proprio sui temi degli eventi collaterali. “Vorrebbe dire che se parliamo di antisemitismo, dovremmo invitare le SS – è la domanda retorica -? Si vede che ai tanti atti di omofobia istituzionale si unisce anche questo”.

Il video completo della conferenza stampa

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020