Categorie: News

Torino in piazza contro il neofascismo: “Veniteci a prendere”

Prima l’episodio di Mondovì dove qualcuno ha scritto, in tedesco, “Qui vive un’ebrea”, con tanto di svastica, sulla porta di una partigiana. Poi quello di Torino, il 27 gennaio. Proprio nella Giornata della Memoria sulla casa di una donna è apparsa la frase “crepa sporca ebrea”. E infine, sempre a Torino, altri due biglietti col saluto nazista sulla casa della figlia di un partigiano, nel quartiere Vanchiglia. Sono solo gli ultimi due di una lunga sedie di episodi di matrice neofascista che le cronache di questi mesi ci raccontano.
La concentrazione di episodi proprio a Torino, però, ha spinto il Coordinamento Torino Pride a organizzare una risposta.

“Veniteci a prendere”

L’immagine della manifestazione

“E’ giunta l’ora di scendere nuovamente in piazza – si legge in una nota -, l’ora di camminare insieme al coordinamento “Mai più Fascismi” promosso da ANPI, ARCI, CGIL, CSIL, UIL, ARTICOLO UNO, PCI, PD e rifondazione Comunista e a AICS, Se non ora quando, Terzo Tempo e all’associazione nazionale Treno della Memoria”.
Una grande mobilitazione antifascista e antirazzista organizzata proprio a Torino l’8 febbraio alle 17,30 in piazza Carignano. Il claim è: “veniteci a prendere”.

Torino contro il rigurgito fascista

“I nostri passi sulle orme lasciate vuote nei campi di sterminio – spiega ancora il Coordinamento -. Il nostro cammino sulla strada di casa, la guerra finita, in faccia a qualsiasi tentativo di negazionismo, a qualsiasi rigurgito fascista. Camminiamo insieme noi che, idealmente, indossiamo la stella e tutti i triangoli del sistema della morte in memoria di quanto accadde. Perché non accada ancora”.

Chi tace è colpevole

Esattamente come, oltre 70 anni fa, chi sapeva taceva e nessuno fece davvero niente per fermare la barbarie dell’olocausto prima che sterminasse milioni di persone, anche oggi, sottolineano le attiviste e gli attivisti torinesi “non possiamo più tacere o saremo colpevoli”. “Ci siamo, veniteci a prendere. Provate a farlo alla luce del giorno e non muovendovi nella notte che vogliamo restituita a chi lavora il terzo turno, a chi veglia in ospedale, a chi si diverte o a chi prepara per gli altri, il pane – prosegue la nota -. Venite, uscite allo scoperto. Conoscete i nostri indirizzi, vi aspettiamo“.

“Non abbiamo vigilato abbastanza”

Ma come siamo tornati a questo punto, 7 decenni dopo quei fatti?
“È tempo che la lezione della storia vi venga detta con chiarezza perché è evidente che abbiamo sbagliato – spiegano -. Non siamo stati abbastanza vigilanti, non abbiamo protetto il volo della farfalla gialla della bambina di Terezin. Oggi, quella farfalla diventa vento. Da oggi sarà sui nostri abiti e volerà in alto, illuminerà persino le vostre vite meschine, in alto sopra la cenere dei forni che vorreste tenere accesi. Noi siamo resistenza, noi siamo partigiani e staffette. Noi ricordiamo e agiamo. E ci troverete ad aspettarvi”.

Appuntamento, dunque, a Torino il prossimo 8 febbraio alle 17.30 in piazza Carignano.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020