Categorie: News

Carriera Alias: anche l’Università della Valle d’Aosta adotta il doppio libretto

La carriera Alias arriva anche all’Università della Valle d’Aosta. Ad annunciarlo, su Facebook, Samuele Tedesco, l’ex presidente di Arcigay Aosta che ha condiviso la notizia con una foto in cui si mostra fiero e sorridente. «Tre anni fa, al rientro dal mio Erasmus a Barcellona, proposi all’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste la Carriera Alias» leggiamo sul suo profilo. «Non ero da solo a crederci, insieme a me centinaia di studentesse e studenti dell’ateneo che hanno firmato la mia petizione».

Cos’è la carriera Alias

Samuele Tedesco

La carriera Alias, ci ricorda ancora Tedesco, «è un profilo burocratico “alternativo” per le persone in transizione di genere che sostituisce il nome anagrafico con quello adottato, sino ad ufficiale rettifica anagrafica». In altre parole, una persona transgender può utilizzare un doppio libretto, in cui viene rispettata la sua identità di genere.

«Anche in Valle D’Aosta, dunque, volevo portare l’attenzione sulla necessità di una Università che garantisse alle studentesse e agli studenti in transizione di genere un ambiente di studio sereno, attento della dignità dell’individuo».

Un risultato a lungo aspettato

E dopo qualche tempo, il risultato è arrivato. Salutato con grande favore da chi lo ha reso possibile: «Finalmente il Consiglio dell’Università ha approvato, all’unanimità, questo importante progetto. Son fiero di aver contribuito a questo passo dell’Ateneo che mi ha formato e che è stato per tre anni la mia casa». E un ringraziamento, Tedesco, lo riserva anche alla dirigenza universitaria: «Un grazie alla Rettrice, a tutto il Consiglio e anche al Rappresentante degli studenti in seno del Consiglio, Giuseppe Grassi, che ha seguito internamente le procedure amministrative necessarie».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Italia Viva: “Il ddl Zan è da modificare”. E ora la legge è a rischio

La legge contro l'omobilesbotransfobia, la misoginia e l'abilismo rischia di saltare al Senato. Ecco perché.

21 aprile 2021

Ddl Zan ancora al palo: Ostellari tira in ballo la maggioranza di governo

E' ancora fumata nera sulla calendarizzazione del ddl Zan in Commissione Giustizia del Senato. L'ufficio…

20 aprile 2021

#diamociunamano, la campagna di Vanity Fair che travolge e dice sì alla legge Zan

Adesioni anche non scontate, ma sicuramente un punto a favore del ddl contro l'omo-transfobia.

17 aprile 2021

Il Senato dice sì alla cittadinanza italiana per Patrick Zaki

Con 208 sì, nessun contrario e 33 astenuti, il Senato ha detto sì alla cittadinanza…

14 aprile 2021

Legge Zan: Casellati firma per abbinare tutti i disegni di legge in Commissione Giustizia

L'agenzia di stampa AdnKronos riferisce che la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha…

13 aprile 2021

Persi milioni di euro e ridicolizzata dall’Europa: il destino Krasnik, città libera dall’ideologia Lgbt

Il sindaco si dice pentito, ma non riesce a ritirare la dichiarazione per l'opposizione dei…

13 aprile 2021