Categorie: News

Carriera Alias: anche l’Università della Valle d’Aosta adotta il doppio libretto

La carriera Alias arriva anche all’Università della Valle d’Aosta. Ad annunciarlo, su Facebook, Samuele Tedesco, l’ex presidente di Arcigay Aosta che ha condiviso la notizia con una foto in cui si mostra fiero e sorridente. «Tre anni fa, al rientro dal mio Erasmus a Barcellona, proposi all’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste la Carriera Alias» leggiamo sul suo profilo. «Non ero da solo a crederci, insieme a me centinaia di studentesse e studenti dell’ateneo che hanno firmato la mia petizione».

Cos’è la carriera Alias

Samuele Tedesco

La carriera Alias, ci ricorda ancora Tedesco, «è un profilo burocratico “alternativo” per le persone in transizione di genere che sostituisce il nome anagrafico con quello adottato, sino ad ufficiale rettifica anagrafica». In altre parole, una persona transgender può utilizzare un doppio libretto, in cui viene rispettata la sua identità di genere.

«Anche in Valle D’Aosta, dunque, volevo portare l’attenzione sulla necessità di una Università che garantisse alle studentesse e agli studenti in transizione di genere un ambiente di studio sereno, attento della dignità dell’individuo».

Un risultato a lungo aspettato

E dopo qualche tempo, il risultato è arrivato. Salutato con grande favore da chi lo ha reso possibile: «Finalmente il Consiglio dell’Università ha approvato, all’unanimità, questo importante progetto. Son fiero di aver contribuito a questo passo dell’Ateneo che mi ha formato e che è stato per tre anni la mia casa». E un ringraziamento, Tedesco, lo riserva anche alla dirigenza universitaria: «Un grazie alla Rettrice, a tutto il Consiglio e anche al Rappresentante degli studenti in seno del Consiglio, Giuseppe Grassi, che ha seguito internamente le procedure amministrative necessarie».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020