Categorie: NewsVideo

“Vivi il sesso come più ti piace, ma proteggiti”: il video di Lila contro l’HIV

Il messaggio che Lila ha scelto per celebrare la Giornata mondiale contro l’HIV è molto semplice, ma affatto banale. “Vivi il sesso come più ti piace, ma informati e proteggiti”. Nel video, che non si piega a stereotipi e luoghi comuni, il protagonista bacia diverse persone: altri maschi e femmine senza distinzioni e con lo stesso trasporto. Non interessa stabilire l’identità di genere o l’orientamento sessuale di chi compare nel video, non è quello il focus della campagna. Alla fine della clip, il protagonista butta l’ennesimo involucro di un profilattico, con un’espressione piuttosto soddisfatta in faccia.
Ha fatto sesso con chi ha voluto, quanto ha voluto, come ha voluto, ma sempre proteggendosi.
Ecco il video realizzato con contributo gratuito e volontario di Luca Rufini, del regista Nicola Garzetti, di Dare Studio Milano e di tutti gli attori e le attrici.

Lila sostiene che sia “il video più sexy del 1° dicembre”. Voi cosa ne pensate?

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020

Diversity e inclusione: il webinar con Unar per lavoratrici e lavoratori Lgbti+

Un appuntamento sulla gestione delle differenze e della diversità nel mondo del lavoro.

20 ottobre 2020

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020