Categorie: News

Merola firma l’atto di nascita del bimbo con due mamme: “Allargare i diritti serve a tutti”

Come annunciato questa mattina, il sindaco di Bologna Virginio Merola ha firmato l’atto di nascita di un bimbo (non una bimba come erroneamente riportato inizialmente) nato a Bologna e figlio di due mamme. All’anagrafe cittadina, il piccolo risulta regolarmente figlio sia della sua mamma biologica che della madre sociale.

“Ci occupiamo delle vite delle persone”

“Sono sempre stato convinto che allargare i diritti serva per tutti – ha detto il Sindaco –. Per questo ho firmato questo atto di nascita come stanno facendo altri sindaci in Italia. Proprio perché, come sindaci, ci occupiamo della vita delle persone, ci è più chiara l’urgenza di aumentare i diritti in presenza di un vuoto normativo”.

Così si tutelano i diritti delle persone”

“Sono molto orgogliosa di essere assessora per i diritti LGBTQI nella giunta di un Sindaco che non si tira mai indietro di fronte alle scelte di civiltà – ha aggiunto l’assessora Susanna Zaccaria -. Così si tutelano davvero i diritti delle persone”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020