Categorie: News

Secondo uno studio avere amici gay rende persone migliori

Uno studio condotto da un professore di sociologia della Pennsylvania State University, Daniel DellaPosta, dimostrerebbe che avere un amico lgbt+ rende persone più aperte sul fronte dei diritti e più di mentalità aperta e accogliente.
Usando dati raccolti tra il 2006 e il 2008 e lo United States General Social Survey (GSS), DellaPosta ha dimostrato che frequentare persone lgbt+ cambia le attitudini culturali.

Lo studio

Coloro che hanno risposto al GSS che avevano uno o più amici lgbt+ nel 2006 “hanno mostrato grandi cambiamenti verso una maggiore accettazione dell’omosessualità e il matrimonio gay tra il 2008 e il 2010”.
Tra le persone intervistate nel 2006, il 54 per cento aveva almeno un conoscente gay. Di questi, il 47 per cento ha riferito di avere un collega gay e il 31 per cento di avere un familiare omosessuale.
Il cambiamento è più pronunciato ed evidente quando la persona lgbt+ con cui si ha a che fare è un familiare che ha fatto coming out o una persona che si conosce da tempo il che dimostra che il legame preesistente facilita l’inclusione.

Lo diceva Harvey Milk

“Questa teoria è forse più eloquentemente espressa nella famosa esortazione di Harvey Milk ai gay e alle lesbiche di fare coming out con i propri amici, parenti e colleghi di lavoro per porre fine al pregiudizio” scrive il sociologo nel suo studio.
Gli effetti del contatto diretto con le persone lgbt+ si nota maggiormente tra “le persone più anziane o politicamente conservatrici”. Se nel 2006 erano contrarie al matrimonio tra persone dello stesso sesso, per esempio, negli anni successivi sono stati tra coloro che hanno cambiato più evidentemente idea dopo che un amico ha fatto coming out con loro.

I limiti

Lo studio, naturalmente, non dice che questa teoria si applica a tutti i singoli casi di persone etero con amici lgbt, specialmente se la frequentazione è saltuaria.
“Ci sono chiare limitazioni alle analisi fatte qui – spiega DellaPosta – che rende quanto rilevato necessariamente provvisorio. Più in particolare, dovremmo chiederci se esista una selezione di base nel tipo di persone che riferiscono punti di vista relativamente negativi nei confronti dell’omosessualità all’inizio, ma segnala comunque una conoscenza gay”.

Più studi in questo campo

Lo stesso DellaPosta raccomanda più studi in questo campo, con particolare riguardo a come i cambiamenti di attitudine delle persone possono essere influenzati anche dai passi avanti fatti dalla popolazione in generale o da altri fattori.
D’altro canto, possiamo azzardare un’ipotesi: ora abbiamo la prova scientifica che tutti quelli che “ho tanti amici gay, ma” in realtà mentono spudoratamente.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020