Categorie: News

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

“L’omosessualità era l’oggetto del suo studio. Dall’Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano”. Così una televisione egiziana descrive Patrick Zaki, il 27enne egiziano arrestato al Cairo di ritorno, per una vacanza, dal suo master in studi di genere all’Università di Bologna. Secondo La7 si tratta di una TV privata, ma controllata dal governo.

Questo alla vigilia di un’attesissima decisione. Domani, infatti, i giudici che si occupano del suo caso decideranno se scarcerarlo o no. Appare sempre più chiaro che siano proprio gli studi di Zaki a non essere graditi all’Egitto.

L’Egitto contro l’UE e l’Italia

Ma il clima politico è testo. Il governo egiziano non ha gradito l’attenzione internazionale che si è alzata sulla vicenda di Zaki. “Un’ingerenza inaccettabile negli affari interni e un attacco contro il potere giudiziario egiziano” l’ha definita il presidente della Camera dei Deputati egiziana Ali Abdel Aal. Il riferimento è alle pressioni del governo italiano prima e del presidente del Parlamento Europeo poi. Mercoledì David Sassoli aveva infatti chiesto l’immediata scarcerazione del ragazzo ricordando all’Egitto che i rapporti dell’Unione Europea con gli altri paesi si basano sul rispetto dei diritti umani.
Intanto a Bologna continua la mobilitazione di Amnesty Italia e degli studenti dell’Alma Mater che cercano di non fare calare l’attenzione sul destino del giovane ricercatore.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020