Categorie: News

Transgender in rivolta contro femminista terf, salta l’incontro all’Arci di Milano

Le donne transgender? Parassiti. Sarebbe questa la visione sulle donne MtF di Sheila Jeffreys, docente universitaria australiana appartenente alla schiera delle femministe radicali trans-escludenti. Lo ha dichiarato – così riporta Sono l’unica mia (da adesso Slum), riprendendolo dalla rivista Vox – nel 2018, davanti il parlamento inglese. E non solo. Come leggiamo dalla pagina femminista su Facebook, la professoressa «è stata accusata dalla comunità indigena australiana di lanciare accuse razziste contro la comunità transgender, poiché “essere trans è come un blackface”». Per tali ragioni, la sua presenza prevista il 29 febbraio al circolo Ohibò dell’ARCI provinciale di Milano ha generato vibranti proteste, da parte della comunità trans e transfemminista.

Il mail bombing contro l’evento

Pochi giorni fa, infatti, è partito il mail bombing contro l’evento, ospitato nella sede Arci. «Vi chiediamo di inviare una mail di protesta agli indirizzi che trovate di seguito e con l’oggetto indicato» possiamo leggere sempre su Slum, facendo bene presente, ancora: «Non è un messaggio ostile per i destinatari, che probabilmente non sanno chi stanno invitando, ma un aiuto ad evitare un errore grave». Messaggio al quale aveva risposto, nel pomeriggio, il presidente dell’Arci di Milano Maso Notarianni. Il quale si era mostrato possibilista riguardo l’incontro: «Vale la pena di confrontarsi con Jeffreys, l’Arci affronta discussioni difficili». A Notarianni aveva a sua volta controbattuto l’attivista transgender Nicholas Vitiello, militante del Gruppo Trans e di Slum.

La lettera di Vitiello, contro l’intervento della docente terf

Vitiello, nella sua risposta, ha ricordato che Sheila Jeffreys «rendendosi in quel momento portavoce di tutto il movimento TERF, ha definito le donne trans “uomini omosessuali che non si sentono in grado di convivere con la propria omossessualità nel corpo di un uomo” o “uomini eterosessuali con interesse sessuale nell’indossare vestiti femminili e apparire femminili”». E ancora, «secondo tale visione gli uomini trans, come il sottoscritto, sarebbero “traditrici del femminismo” poiché ci siamo, presumibilmente, fatti convincere ad abbandonare la causa per convertirci al patriarcato e usufruire dei privilegi maschili». Impostazione che Vitiello rimanda alla mittente.

“Perché scegliere persone transfobiche per parlare di transgender?”

Nicholas Vitiello

«Non ho tradito il femminismo quando ho iniziato a transizionare» continua Vitiello, ricordando che semmai «è stato il femminismo radicale trans-escludente a tradire me». Ricordando, ancora, che il corso “Studi senza frontiere” che ospiterà l’evento all’Ohibò «vuole proporsi come luogo in cui diverse posizioni possano trovare spazio, affinché ognuno possa avere gli elementi necessari per una riflessione autonoma e consapevole», pone una domanda fondamentale: «Perché» chiede «avete volutamente deciso di non interloquire con una persona trans* per parlare di questioni trans*? Perchè scegliere una persona apertamente transfobica, transescludente e violenta?» Un interrogativo che non è caduto nel vuoto.

La reazione di Ohibò Milano

Il circolo Ohibò di Milano ha infatti diramato una comunicazione ufficiale in cui possiamo leggere: «Il mese scorso abbiamo accettato la proposta di Milano Senza Frontiere di ospitare due incontri sui temi femminismo e transfemminismo, che abbiamo sicuramente a cuore. Solo in seguito siamo purtroppo venuti a conoscenza delle posizioni di Sheila Jeffreys. In questo senso la nostra associazione si schiera inequivocabilmente in contrapposizione rispetto ad una visione di odio ed intolleranza quale quella espressa dalla Jeffreys». E la decisione: «Per tali ragioni comunichiamo ufficialmente che il Circolo Ohibò non sarà il luogo degli incontri “Studi senza frontiere”». A meno, ovviamente, «di una netta presa di posizione da parte di Milano senza Frontiere ed un cambio nella scelta dell’ospite in questione».

Il comunicato di Milano senza frontiere

Anche le rete Milano Senza Frontiere, che ha organizzato l’evento, ha diramato un comunicato in cui annuncia di sospendere l’incontro. «Le mail che ci sono arrivate ci impongono una riflessione» leggiamo nel comunicato. «Quindi martedì sera ci sarà una riunione […] in cui valuteremo le questioni che ci sono state segnalate e prenderemo una posizione in merito alla realizzazione del corso». Per il momento dunque, l’evento è sospeso: «Dopo la riunione comunicheremo con un nuovo post la nostra decisione». Ci si chiede, tuttavia, che contributo possa dare in direzione dell’inclusione chi si ha riservato certe parole nei confronti della comunità transgender. E forse dovrebbero chiederselo anche quanti e quante si riconoscono sotto la dicitura “senza frontiere”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020