Categorie: News

Rapiscono il figlio a Padova perché gay e lo spediscono in Bulgaria per curarlo

Scoprono che il figlio è gay e decidono di rapirlo per poi trasferirlo forzatamente da Padova, la città dove studiava e amava, a una località in Bulgaria.

“Per tentare di rieducarlo”

Lo riporta la stampa locale spiegando che la coppia di genitori e un amico, che li aveva supportati nel 2015 nel blitz, ora rischiano il processo. Tre gli obiettivi dei genitori: allontanarlo dal fidanzato con il quale condivideva l’appartamento insieme ad altri due studenti, lavare l’onta che aveva macchiato la famiglia e tentare di ”rieducarlo”.

Omofobia Familiare

Il pubblico ministero padovano Sergio Dini, si legge sul ‘Mattino di Padova’, ha chiuso l’inchiesta e si prepara a sollecitare il giudizio nei confronti della madre e del padre della vittima, entrambi 44enni, e dell’amico di origine serba. Le accuse, riporta il quotidiano, sono sequestro di persona aggravata, violenza privata e lesioni personali, sempre aggravate e continuate

Il blitz della famiglia

La spedizione punitiva è avvenuta quattro anni fa, il 16 maggio 2015. I due ragazzi si erano conosciuti per caso nei mesi precedenti. Tutti e due studenti nell’ateneo padovano, si erano trasferiti a vivere in città per seguire le lezioni e non perdere troppo tempo.
È solo una coincidenza il loro incontro nell’appartamento dove trovano alloggiano insieme ad altri due universitari. Subito si trovano simpatici. Si piacciono. E scoprono anche di amarsi, vivendo quel legame affettivo omosessuale con gioia. All’inizio la famiglia del ragazzo bulgaro non vede o finge di non accorgersi. Poi, incapace di accettare la situazione, decide di intervenire. A modo suo. Quel 16 maggio i genitori di si presentano nell’appartamento a Padova scortati dall’amico. Il figlio apre la porta di casa ignaro della trappola. Il terzetto piomba nell’abitazione dove i due compagni si trovano da soli. L’aggressione è repentina e feroce. N. viene costretto a restare fermo in un angolo per evitare che possa scappare e chiedere aiuto. Anzi, quando tenta di intervenire a favore di D., è minacciato di morte e colpito in pieno volto da un pugno che gli provoca lesioni guaribili in sei giorni. Nel frattempo D. è immobilizzato, trascinato giù dalle scale della palazzina e caricato a bordo di un’auto che sguscia via a tutta velocità.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020