Categorie: News

Primavera dei diritti anche a Francavilla Mare: sì a due mamme

«In Comune, poco fa, sono venute a trovarmi due cittadine francavillesi con i loro famigliari e amici. Sono coppia nella vita da alcuni anni, hanno una bimba meravigliosa che ha due anni e mezzo, ed oggi ho firmato il documento con il quale inseriamo nell’atto di nascita della piccola i nomi di entrambe le mamme». A parlare o, meglio, a scrivere, è il sindaco di Francavilla al mare, in provincia di Chieti, Antonio Luciani che annuncia così, dal suo profilo Facebook, di avere aggiunto il nome della seconda mamma sul certificato di nascita di una bimba di due anni e mezzo del suo comune.

Un fatto di civiltà in uno dei momenti più bassi della nostra storia

Antonio Luciani, il sindaco di Francavilla a Mare

Ad oggi è il primo caso di riconoscimento spontaneo all’anagrafe di due mamme in Abruzzo, e riguarda una bimba già grande, come era accaduto nei giorni scorsi a Milano, Castel Maggiore e sempre oggi Bologna. «Siamo i primi in Abruzzo» sottolinea il primo cittadino, «ma confido che non saremo soli». E rilancia, in polemica con l’attuale governo: «In uno dei momenti tra i più bassi della nostra Repubblica» in cui «un ministro afferma che le Famiglie Arcobaleno non esistono […] io non solo credo che le famiglie Arcobaleno esistano, ma che siano parte integrante della nostra comunità».

Un’onda di diritti inarrestabile

Molto soddisfatto del risultato l’avvocato Michele Giarratano del Gruppo legale di Famiglie Arcobaleno che ha supportato la coppia di madri nella richiesta al Comune di Francavilla al mare. «L’onda di diritti, che sta toccando ormai tutte le regioni d’Italia, sembra inarrestabile» aggiunge Giarratano «e si allunga la lista dei comuni, e soprattutto dei Sindaci, che hanno scelto di dare diritti e dignità alle famiglie arcobaleno e in particolare ai minori che diversamente sarebbero figli senza diritti. Il parlamento non resti sordo a questa straordinaria primavera di civiltà».

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020