Non denuncia i libri “gender”: deposta direttrice della biblioteca a Todi

Crociata oscurantista e “anti-gender” a Todi: l’amministrazione attuale, per conto dell’assessora alla Famiglia, Alessia Marta, aveva chiesto alla direttrice della Biblioteca comunale, Fabiola Bernardini, di stilare un elenco di libri “colpevoli” di fomentare la pericolosa ideologia che trasformerebbe i bambini in gay e che li convincerebbe a cambiar sesso con la stessa dimestichezza con cui si cambiano i calzini la mattina. L’elenco però non è mai arrivato – anche perché è oggettivamente difficile creare elenchi di cose che non esistono – e il Comune ha così deciso di sollevare la responsabile dalle sue mansioni.

La colpa di essere una libera cittadina

La biblioteca di Todi

Fabiola Bernardini era già stata “notata” dalle istituzioni cittadine per una serie di ragioni: aveva partecipato a una manifestazione dell’Anpi per il 25 aprile – manifestazione alla quale il Comune non aveva aderito, forse anche per la presenza di elementi dell’estrema destra fascista, dentro la compagine di governo della città – e aveva avuto la “colpa” di partecipare ad un evento con le Famiglie arcobaleno. Insomma, Bernardini è colpevole di essere una libera cittadina, antifascista e non omofoba.

Clima da dittatura nera

Eppure tale trasferimento risulta incomprensibile. Sotto la direzione di Bernardini, infatti, la biblioteca ha registrato ben dodicimila ingressi su una popolazione di quattordicimila abitanti. Un successo assoluto che però non convince assessori e sindaco: la direttrice – complice il “gender” – è stata spostata all’urbanistica, a ricoprire non si sa quale mansione, visto che la stessa interessata ha dichiarato di non essere un’esperta del campo. Protestano intanto l’Aib, Associazione italiana biblioteche, che parla di «solita forma di censura indiretta» e Omphalos Perugia, che accusa: è un atto gravissimo perpetrato […] che ci ricorda ormai la peggior dittatura nera».

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020