Categorie: NewsRainbow

Aggressione a Torino: organizzato presidio di solidarietà

Non possiamo rimanere con le mani in mano” denuncia di Arcigay Torino a seguito dell’aggressione a sfondo omofobico avvenuta sabato 21 luglio nei confronti di giovane gay.

La vicenda si è consumata in tarda serata all’uscita della metro Marconi. Il diciannovenne, insultato da parte di cinque persone per il suo modo di camminare, ha reagito rispondendo alle provocazioni del gruppo. Ciò ha tuttavia scatenato la violenza di due di quei ragazzi i quali si sono scagliati sulla vittima con calci e pugni facendogli perdere la coscienza. Alla fine, dopo un ricovero all’ospedale Molinette, è tornato a casa con una frattura scomposta alla clavicola, una alla testa e una sul piede.

“Nell’attuale momento storico-politico nazionale, che a livello istituzionale punta a legittimare la violenza contro chi è diverso, non possiamo restare a guardare” dichiara Francesca Puopolo, presidente di Arcigay Torino, che definisce allarmante l’incremento di aggressioni e discriminazioni rivolte a persone LGBT delle ultime settimane.

“Torino si è sempre distinta per le buone prassi e le azioni di contrasto alle violenze e alle discriminazioni -prosegue Puopolo-, per questo siamo fiduciosi che verrà fatta chiarezza sul caso e auspichiamo che le forze dell’ordine possano risalire agli aggressori. Ci uniamo inoltre all’appello della vittima nella ricerca di testimoni che possano riportare alcuni fatti del caso e ci appelliamo alla coscienza di chiunque si trovi ad assistere ad episodi di violenza: non si può restare in disparte, in silenzio. Se si resta a guardare, si è complici“.

Oltre ad offrire sostegno legale alla vittima, Arcigay Torino ha annunciato un presidio davanti alla Casa del Quartiere di San Salvario, spazio pubblico multiculturale nel cuore della città, invitando la comunità a manifestare la propria vicinza al ragazzo. L’appuntamento è per domenica 29 luglio alle 15:00.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Stepchild adoption per una coppia di mamme separate: è la prima volta

Entrambe mamme dei loro gemelli, anche se non sono mai state unite civilmente e, soprattutto,…

23 gennaio 2021

Multietnica, 12 donne su 25 e Lgbt-friendly: ecco la squadra di governo di Joe Biden

Un segretario gay, una ministra nativa americana e il 50% dei componenti sono non bianchi.

22 gennaio 2021

Rivoli, Torino: crociata “no gender” della Lega a scuola, ma docenti e famiglie protestano

Continua l'assurda crociata contro le persone Lgbt+ da parte del partito di Salvini. Succede a…

21 gennaio 2021

Tutele per le persone LGBT+, basta muri e ritorno nel’OMS: così Biden archivia Trump

Rientro nell'OMS, nell'accordo di Parigi sul cambiamento climatico, stop alla costruzione del muro con il…

21 gennaio 2021

Necrologio al maschile per Gianna, donna transgender. Taffo: “Offensivo, rifacciamo noi”

"Per impedire la damnatio memoriae di una persona transgender", dichiara Vladimir Luxuria.

20 gennaio 2021

Il diario di un uomo cisgender, alla scoperta della bellezza nelle differenze

Il libro fotografico di Avarino Caracò, alla ricerca dell'altr* da sé, per riscattare un passato…

20 gennaio 2021