News

Polonia, crollano le regioni “libere dall’ideologia Lgbt” dopo l’intervento dell’UE

Crollano una dietro l’altra le regioni in Polonia “libere dall’ideologia Lgbt”. Tutto nasce dalla decisione della Commissione Europea di sospendere l’erogazione dei fondi per la crisi dovuta alla pandemia. Molte zone del paese hanno dunque deciso di non dichiararsi più “Lgbt free zone”. Una misura introdotta nel 2019 e che si risolveva in vere e proprie azioni di contrasto – alcune anche violente – contro le marce dell’orgoglio e la “propaganda gender”.

I problemi della Polonia per le leggi anti-Lgbt

Le zone “libere” dall’ideologia Lgbt+ in Polonia

Nel corso di questi anni, queste “zone libere” avevano già creato alcuni problemi alla Polonia e alle città che avevano aderito all’iniziativa. Come riportato tempo fa, la città di Krasnik era stato al centro di pesanti ripercussioni. «Il provvedimento che mirava a difendere le famiglie polacche, nonché cristiane, dal “pericolo arcobaleno” si è rivelato un vero e proprio boomerang per la cittadinanza. Con gravissime ripercussioni per l’economia e per l’immagine della città stessa». Infatti «già a febbraio del 2020 il sindaco della città francese Nogent-sur-Oise aveva deciso di interrompere la cooperazione con Krasnik per scambi culturali fra studenti».

Le regioni che hanno fatto dietrofront

Dopo le dichiarazioni della Commissione, dunque, il dietrofront della regione di Santacroce già la settimana scorsa. Quindi, lunedì 27 settembre, «i funzionari delle province sudorientali di Podkarpackie e Lubelskie e della provincia meridionale di Malopolskie» tre dei territori in cui erano in vigore le mozioni omofobiche dei governi sovranisti locali «hanno votato tutti per abrogare le mozioni» riporta il sito nella Nbc News. Evidentemente l’esigenza di prendere denaro è stata più forte di quella di salvaguardare la famiglia dal pericolo arcobaleno. Qualsiasi cosa ciò possa significare.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

A fuoco il locale che ospita il “BeQueer”, storica serata LGBT+ umbra

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre un incendio ha distrutto una parte…

23 Dicembre 2022

I 5 libri da regalare a Natale 2022

Siete a corto di idee per questo Natale 2022? Niente paura, come ogni anno Gaypost.it…

22 Dicembre 2022

Lettera di Famiglie Arcobaleno alla ministra Roccella: “Non è la lotteria del DNA che ci fa genitori”

Sta facendo molto discutere una recente affermazione della ministra della Famiglia Eugenia Roccella a proposito…

19 Dicembre 2022

Associazioni e attivistз trans*: “Il ministro Valditara tuteli la carriera alias”

Nei giorni scorsi si è consumato l'ennesimo attacco alla comunità trans+. Questa volta, a mettere…

15 Dicembre 2022

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022