Categorie: News

Poliziotta inglese bullizzata per il suo taglio di capelli

Porta i capelli corti, a spazzola e con le meches bionde: si chiama Rachel Swann, è una poliziotta inglese e per “colpa” dei suoi capelli è stata oggetto di insulti sessisti e omofobi. A tal punto da costringerla a cancellare il suo account Twitter.

RACHEL SWANN

Per la sua comunità Rachel Swann è praticamente un simbolo. Questa estate, infatti, l’agente Swann ha guidato l’evacuazione di Whaley Bridge dopo la rottura di una diga danneggiata. Whaley Bridge è una cittadina nella parte Nord-Ovest dell’Inghilterra e ad agosto di quest’anno, dopo piogge intense, una parte della diga è crollata portando all’evacuazione di 1500 persone. È stato proprio durante questo evento, mentre la poliziotta rilasciava una dichiarazione ai giornalisti, che i troll della rete hanno iniziato a prenderla di mira per la sua capigliatura. Un attacco talmente pesante da convincerla a cancellare il suo profilo Twitter dopo pochissimo tempo. Alla Bbc ha dichiarato di sentirsi sconvolta «che la mia sola esistenza possa causare così tanto odio».

L’INTERVISTA A RADIO DERBY, BBC

In una lunga intervista allo show radiofonico della Bbc Radio Derby Rachel Swann ha tirato fuori tutta la frustrazione e la rabbia per l’accaduto. «Sì, sono una donna. Sì, porto una pettinatura differente – ha detto -. Sì, sono abbastanza minuta. Quello che mi ha sconvolta è stato che fosse la mia stessa esistenza a scatenare così tanto odio. Posso affrontare qualche battuta, ma poi le battute sono diventate omofone e sessiste: veramente offensive. Mi ha veramente offesa sentirmi dire che non ho principi e che fossi una vergogna per la polizia. Mi hanno accusata di non portare un cappello, mentre spesso ci addestrano a non portarlo per mantenere un contatto visivo e guadagnarsi la fiducia dell’interlocutore».

CRIMINI D’ODIO

Rachel Swann ha altresì raccontato che la sua esperienza personale con i troll e i commenti negativi sui social media è solo il riflesso e una piccola parte dell’odio che molte persone ricevono ogni giorno. «Molti commenti erano misogini e omofobici e sono stati rubricati come reati d’odio – ha dichiarato -: come sarebbe accaduto per i miei colleghi o per i singoli cittadini»
Stare lontana dai social ha dato modo a Rachel Swann di riflettere sul quanto ancora le forze dell’ordine possano fare per contrastare il cyberbullismo. «Spesso abbiamo visto ragazzini sentirsi bullizzati dai proprio compagni attraverso i social media. Alcuni si sono sentiti talmente disperati e persi da suicidarsi».

DI NUOVO ONLINE

Da quando la poliziotta Swann è tornata su Twitter ha deciso di pubblicare solo commenti positivi su come lei e i suoi colleghi hanno gestito il collasso della diga e cagnolini. Molti cagnolini. Rachell Swann ci scherza sopra, amaramente: «In un certo senso mi sono fatta valere senza nemmeno volerlo. Se ne verrà fuori qualcosa di buono, meglio, ma non vorrà dire che non mi abbia fatto male e che non mi abbia fatto soffrire».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020