Categorie: News

Napoli, torna Poetè: per sognare un mondo più inclusivo e giusto

Torna a Napoli la rassegna letteraria Poetè, che è stata presentata oggi nella sala giunta del Comune del capoluogo partenopeo. Il salotto letterario curato da Claudio Finelli arriva così alla sua decima edizione e, da ottobre a maggio, torneranno molti eventi in cui far incontrare la scrittura e l’impegno sociale. «In dieci anni» ha dichiarato Finelli «Poetè ha cercato le chiavi più efficaci per aprire l’uscio del nostro immaginario e popolarlo di sogni, di emozioni, di consapevolezze e di illuminazioni. Perché, come ha insegnato Walt Disney, se puoi sognarlo puoi farlo e con Poeté continuiamo a sognare un modo più giusto e inclusivo».

Dalla narrazione drammatica, all’antimafia

La presentazione a Napoli

E comincerà oggi la rassegna che con il suo sguardo attento sulle discriminazioni per identità di genere e orientamento sessuale, proseguirà fino al 17 maggio, per un totale di ventiquattro appuntamenti. Al via, alle 18:30, verrà presentato il libro di Eduardo Savarese, Le cose di prima. Seguiranno altri trentuno titoli, tra i più vari, «dalla narrazione drammatica a quella comica e paradossale, dalla saggistica alla cronistica di chi ha sfidato i clan mafiosi» come nel caso di Federica Angeli, la giornalista di Repubblica che ha denunciato nei suoi articoli le vicende della mafia romana e che per questo vive sotto scorta.

Uno spazio di libertà e senza pregiudizi

Vari i titoli di autori e autrici che si avvicenderanno all’Hotel de Charme di Chiaia a Mare, da L’eroe negato di Francesco Gnerre all’omaggio alle persone transessuali, proprio in occasione del Transgender Day of Remembrance: il 22 novembre, infatti, ci sarà un doppio appuntamento con Paola Nasti e Giovanna Vivinetto, autrici rispettivamente di Cronache dell’Antiterra e di Dolore Minimo. «Dal 2008 Poetè cerca di creare spazi di libertà e condivisione evocando memorie, voci e suggestioni verso una nuova narrazione di verace umanità, senza pregiudizi» ha dichiarato, ancora, Finelli. Perché laddove l’animo umano parla, e quando lo fa con la letteratura, non può esserci che libertà.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020

Diversity e inclusione: il webinar con Unar per lavoratrici e lavoratori Lgbti+

Un appuntamento sulla gestione delle differenze e della diversità nel mondo del lavoro.

20 ottobre 2020

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020