Categorie: News

Famiglie Arcobaleno: “Non andremo in tv con chi ci vuole cancellare”

Con una nota stampa Marilena Grassadonia, Presidente di Famiglie Arcobaleno, annuncia una pausa, o meglio definirlo un allontanamento temporaneo, da parte delle socie e dei soci di Famiglie Arcobaleno dagli schermi tv.
Una scelta politica e personale che arriva dopo l’interessamento dei media verso le famiglie omogenitoriali in vista del Congresso delle Famiglie di Verona.
Come spiega la Presidente: “In vista del Congresso mondiale delle famiglie che vedrà planare su Verona tra il 29 e il 31 marzo il peggio della destra estremista, maschilista, e trans-omofoba mondiale, diverse trasmissioni televisive ci stanno chiedendo di raccontare le nostre vite nelle puntate che andranno in onda nei prossimi giorni. Abbiamo chiesto ai nostri soci e alle nostre socie di rifiutarsi di farlo

Pluralismo non è dare voce a chi vuole cancellarci

Nel citare Emma Bonino (“Il personale è politico, ma il privato non è pubblico”), Marilena Grassadonia ricorda come da quasi vent’anni Famiglie Arcobaleno combatte a viso aperto mostrando la propria quotidianità per raggiungere pari diritti e doveri. Una scelta di “piena visibilità come strategia politica”.
Ma non possiamo accettare che la nostra esistenza diventi tema di dibattito in talk show feroci dove intervengono persone che dicono e pensano cose orrende. Non è tutto uguale e le idee di chi ci vorrebbe cancellare dalla faccia della Terra non sono un’opinione legittima da mandare in onda in nome del pluralismo”

Il 30 in piazza la nostra testimonianza

“Il Congresso mondiale delle famiglie a Verona è una vergogna che combattiamo in piazza, il 30 marzo” conclude.
“È quella la nostra testimonianza, a fianco delle femministe, degli attivisti Lgbt+, dei difensori dei diritti civili e di tutt* coloro che credono in un Paese più inclusivo e giusto.
La logica dei talk show, cinque minuti a testa omofobi contro difensori dei diritti civili perché un’opinione vale l’altra, è una legittimazione di discorsi d’odio che non possiamo accettare.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020