Categorie: News

Morto Jacob Alexander, il giovane fondatore di The Positive Project

Lo scorso sabato, Jacob Alexander si è tolto la vita. Il giovane, promettente designer, nel 2016 fondò The Positive Project, un movimento per parlare di HIV e combattere lo stigma contro le persone sieropositive.

The Positive Project

Il suo progetto era caratterizzato da un’app che riuniva la sua community, ALXNDRARMY, e una linea di t-shirt, riconoscibile grazie all’iconica croce rossa, i cui ricavi sono destinati alla ricerca per combattere il virus.
L’obiettivo di The Positive Project, scriveva Jacob, “è quello di illuminare positivamente il virus HIV e coloro che lo hanno [in corpo]”. Ancora oggi, “c’è un stigma attorno al virus […] le persone sieropositive sono ancora trattate in modo diverso”. La missione di The Positive Project “è quella di portare la giusta positività in giro per il mondo, vedere questo simbolo indossato sulle strade con orgoglio senza connotazioni negative”
Ora, secondo PinkNews, sarà la famiglia a portare avanti il progetto dove Jacob lo ha abbandonato.

Il ricordo degli amici attivisti

La notizia della morte del fondatore di Positive ha scosso i tanti attivisti lgbt e compagni di battaglie. “Sono scioccato e triste alla notizia che Jacob Alexander ci ha lasciati” ha twittato il co-fondatore di I Want Prep Now, Greg Owen.
“Ha avuto un ruolo fondamentale quando ho feci coming out e ancora, anni dopo, durante la mia transizione” lo ha ricordato Chrissie Deans, attivista trans e amica di lunga data di Jacob. “Il suo sostegno durante l’adolescenza -ha aggiunto Deans- mi ha permesso di essere la persona che sono oggi. Ma non ha fatto questo solo con me: nel corso sua vita ha aiutato tantissime altre persone e il suo sostegno come amico è ciò che lo rende davvero un eroe non celebrato”. Aveva 25 anni.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020

Decreto rilancio: 4 milioni per le vittime di omobitransfobia

Il cosiddetto "Decreto rilancio" prevede fondi per le vittime di discriminazioni fondate sull'orientamento sessuale e…

5 luglio 2020