News

Il Perugia Pride 2018 sarà una parata, ma in rete è già omofobia e odio

Il Perugia Pride cambia faccia. Alla sua sesta edizione, la manifestazione dell’orgoglio lgbt+ non sarà più stanziane, sotto forma di Village. Per la prima volta, quest’anno, le strade di Perugia saranno attraversate da un vero e proprio corteo, come accade in tutte le altre città.
L’appuntamento, fa sapere l’associazione Omphalos lgbti, è per il 30 giugno prossimo. «Quest’anno abbiamo deciso di intraprendere una sfida ambiziosa – commenta Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos – il pride attraverserà con una grande parata le principali strade e piazze di Perugia. Vogliamo abbracciare la nostra città, marciando per le sue vie principali e portando in strada il nostro orgoglio, i nostri corpi e le nostre rivendicazioni».
Forte della partecipazione di migliaia di persone negli anni scorsi, ora Omphalos prepara quella che «punta ad essere una delle più grandi manifestazioni per i diritti civili in Umbria».

Un appuntamento per tutti

«Siamo felici che ormai il Pride sia un appuntamento irrinunciabile per moltissimi umbri, LGBTI e non solo – continua Bucaioni -. Il Perugia Pride non riguarda solo le persone gay, lesbiche, trans* e intersex, ma l’intera comunità. Il Perugia Pride parla di uguaglianza, di diritti, di autodeterminazione, di inclusione, di laicità e per questo coinvolge una grande fetta della popolazione umbra che considera questi valori irrinunciabili».
Ma la notizia non ha fatto in tempo ad arrivare ai media perugini che si è scatenato subito l’odio. E’ successo sulla pagina Facebook del sito di informazione Perugia Today che ha pubblicato un articolo in merito.
Immediatamente sono apparsi i primi commenti omofobi e violenti. C’è chi auspica “manganellate”, chi dà degli “esibizionisti” e invita a “fare i froci a casa vostra” e chi parla di “imposizione”.
Ecco alcuni dei commenti apparsi sotto l’articolo di Perugia Today.

Pronta è arrivata la risposta di Omphalos. Anzi, #lagaiarisposta. Così, infatti, l’associazione ha subito battezzato la campagna social che punta a rispondere, smontandoli, i commenti omofobi di queste ore.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Il partito di Giorgia Meloni condannato per i manifesti contro la gestazione per altri

E' durata sette anni la battaglia in Tribunale contro il partito della premier Giorgia Meloni.…

9 Giugno 2023

Roma Pride: il 10 giugno in piazza al grido di “Queeresistenza”

"Non abbiamo mai smesso di lottare contro le discriminazioni, perfino istituzionalizzate, nei confronti di tutta…

31 Maggio 2023

Umbria Pride, il mese di giugno all’insegna dell’arcobaleno

In attesa del Pride Month, le associazioni Lgbt+ del territorio umbro entrano nel vivo con…

31 Maggio 2023

Il 19 giugno arriva alla Camera la legge per rendere la gestazione per altri “reato universale”

La conferenza dei capigruppo ha fissato per il prossimo 19 giugno alla Camera l'inizio della…

30 Maggio 2023

Crocini (FA): “Sulle famiglie omogenitoriali il Governo mente: serve una nuova resistenza”

E' di ieri la notizia, data da Gaypost.it, del caso di un padre intenzionale a…

30 Maggio 2023

Muore il padre biologico: il Tribunale impone la trascrizione dell’atto di nascita con i due papà

Il Tribunale di Milano ha imposto la trascrizione di un atto di nascita con due…

29 Maggio 2023