Categorie: News

Famiglie arcobaleno all’incontro con la ministra Bonetti: «Nessuna promessa»

La ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti ha incontrato una delegazione di Famiglie Arcobaleno. All’incontro, oltre alla ministra, erano presenti presidente e vice presidente dell’associazione, Gianfranco Goretti e Laura Giuntini.

I TEMI TRATTATI

Gianfranco Goretti, che ha definito l’incontro un «colloquio cortese», spiega quali siano stati i temi trattati nell’incontro di mercoledì: «La Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia rappresenta come Istituzione tutte quante le famiglie, e le nostre famiglie sono un pezzo di realtà di questo Paese. Per questo abbiamo richiesto un incontro per poter raccontare chi siamo, quali siano le difficoltà che incontriamo quotidianamente, quali le preoccupazioni e gli ostacoli che le nostre figlie e i nostri figli riscontrano in assenza di leggi che li tutelino».

IL PERIMETRO DEI DIRITTI CHE MANCANO

Goretti (sulla sinistra) con Grassadonia (al centro), durante una manifestazione

Dopo la timida apertura avvenuta ad Agorà e la successiva smentita da parte della ministra, Famiglie Arcobaleno ha voluto «mettere in particolare l’accento su come le nostre bambine e i nostri bambini siano ancora più esposti degli altri minori in Italia di fronte alle difficoltà che inevitabilmente la vita ci pone davanti. In assenza di leggi che traccino il perimetro dei diritti di questi ragazzi e ragazze, chi li protegge in caso di un ricovero ospedaliero, di una separazione complicata, di un lutto?».

NESSUNA PROMESSA

La Ministra ha ascoltato le istanze dell’associazione, durante quello che dai vertici dell’associazione è stato definito «un incontro informale e cordiale». E, ha proseguito Goretti, «Nessuna promessa e nessun impegno assunto, soltanto un colloquio cortese. Tuttavia siamo soddisfatti come associazione. Le nostre famiglie sono presenti da decenni in Italia e l’incontro con la Ministra aggiunge un valore alla nostra realtà, riconoscendo Famiglie Arcobaleno come interlocutore autorevole. È l’inizio, speriamo, di un percorso di rispetto e confronto costruttivo». «Noi» ha concluso il presidente di Famiglie Arcobaleno «continueremo a chiedere pari diritti per i nostri bambini e le nostre bambine finché non verrà colmato il vuoto legislativo oggi presente nel nostro Paese».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020