Categorie: News

“L’omosessualità è una malattia. Si può guarire”: i deliri del leghista Cerelli

“L’omosessualità è un disordine. La norma è che agli uomini piacciano le donne ed a una donna piacciano gli uomini. Un disordine da un punto di vista naturale, perché l’organo sessuale maschile serve per essere inserito nell’organo genitale femminile e non in altri orifizi, dove e’ una forzatura”.
Questo uno dei passaggi dell’intervista, a La Zanzara su Radio 24, di Giancarlo Cerrelli, il segretario della Lega a Crotone autore del manifesto per l’8 marzo che ieri ha scatenato un vespaio perché accusato sessismo.

“Non abbiamo scritto che il ruolo della donna è quello di restare a casa ed accudire i figli. Ma per sua natura il ruolo della donna è essere madre. Invece oggi una donna che fa figli viene considerata una donna che non è normale”, spiega.

C’è differenza tra omosessuale e gay

“Sono delle persone, ma distinguo tra omosessuale e gay: omosessuale è colui che vive tranquillamente la propria omosessualità, mentre il gay è un agente politico, è colui che vuole imporre alla società delle leggi, un modo di sentire. Il problema – dice ancora – è che l’omosessualità è ormai è la page. Chi non è omosessuale è in qualche modo escluso da tante cose, quindi non c’è un problema di omofobia. Sono più discriminati gli eterosessuali che gli omosessuali”.

Le terapie riparative funzionano

“Il sesso tra uomini – osserva ancora – è contro natura. Certamente. Ci sono tanti omosessuali che ho conosciuto che avevano un disagio, delle vere pulsioni nei confronti delle persone del proprio sesso e poi hanno fatto delle terapie cosiddette riparative. Tante persone, omosessuali sia uomini che donne, omosessuali militanti che sono tornati etero, sono venute a dirmi di essere felicissime e di essere passate per le terapie. Dunque possono funzionare, sì. Mi hanno presentato i loro coniugi. Servono a guarire la ferita che soprattutto nell’omosessualità maschile è determinata dall’abbandono del padre, non avere una figura paterna di riferimento. C’e’ una riparazione di una ferita interiore”.
E se suo figlio fosse gay?: “Certamente non sarebbe una gioia. Ovvio che preferisco avere un figlio eterosessuale”

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Visibile, in streaming, sulla piattaforma Streeen, il film di Giovanni Coda per il 17 maggio.

16 maggio 2021

Ddl Zan: sul palco di Roma le Karma B, Luxuria e le istanze delle comunità

Ci saranno le Karma B, sul palco di Piazza del Popolo, a Roma, oggi a…

15 maggio 2021

Lesbofobia, insulti a 18enne di Bari: “Fate schifo, tutti nelle camere bruciati!”

"La decisione di denunciare deriva dalla necessità di far sentire meno soli tutti colore che…

15 maggio 2021

“Le parole che uccidono”: il monologo di Stefano Massini per il ddl Zan

"Le parole che uccidono". Così si intitola il monologo che Stefano Massini ha portato ieri…

14 maggio 2021

Ddl Zan, è tempo della responsabilità: in piazza per una società migliore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di Marilena Grassadonia* per le piazze di questo fine settimana…

14 maggio 2021

26 giugno: torna il Roma Pride, dopo l’assenza dello scorso anno

Torna il Roma Pride. Dopo il fermo dovuto alla pandemia, nel 2020, il 26 giugno…

13 maggio 2021