Categorie: News

Egitto, arrestata l’attivista trans Malak al-Kashif e rinchiusa in una prigione maschile

Malak al-Kashif ha fatto del suo corpo strumento di lotta. Da circa tre anni tenta di modificare il genere sul certificato di nascita, senza successo. Proprio per questo mercoledì scorso è stata trascinata via dalla National Security, i servizi di sicurezza egiziani, dalla sua casa a Giza. Come racconta oggi Il Manifesto, la 19enne, transessuale, è stata arrestata con altre 70 persone per aver protestato dopo l’incidente ferroviario alla stazione Ramses del Cairo che dieci giorni fa ha provocato quasi 30 morti.

Rinchiusa in una prigione maschile

L’inzio di un incubo per la famiglia che teme abusi e violenze nei confronti della ragazza.
La National Security non ha comunicato il luogo della detenzione: si teme che sia in una prigione maschile: nella carta d’identità è registrata come uomo. Il rischio di violenza sessuale da parte di agenti e detenuti non è affatto minimo, in un sistema di potere che combatte con veemenza la comunità Lgbqi, costretta a nascondersi.

“La società mi rigetta, mi uccide”

Malak non si è mai nascosta. Dal 2017 racconta su stampa e social la sua transizione. Fino all’estate 2018 quando tentò il suicidio dopo abusi negli uffici pubblici e molestie per strada:
«Non perché sono trans – disse poi in un’intervista – ma perché è la società che mi ha ucciso, mi rigetta, mi fa male, mi arresta».

L’ipocrisia egiziana

L’Egitto porta avanti da tempo una vera e propria campagna contro le persone Lgbtqi. I casi più eclatanti li ricorda Il Manifesto:
75 arrestati nel 2017 per aver sventolato una bandiera arcobaleno al concerto del gruppo libanese Mashrou’ Leila, al Cairo
-la condanna a un anno dell’anchorman Mohamed al-Ghaity per aver intervistato un omosessuale (una legge del 2017 vieta di far apparire sulla stampa Lgbtqi), questo nonostante sia un noto sostenitore del governo e abbia usato l’intervistato per «dimostrare» che l’omosessualità è una malattia.
-l’omosessualità non è reato in Egitto ma il regime condanna al carcere con la scusa dell’immoralità e la blasfemia mentre i servizi segreti adescano persone Lgbqi online per arrestarle.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020