Categorie: News

Chiesto il rinvio a giudizio per De Mari per le frasi contro il Circolo Mario Mieli

Si terrà domani l’udienza preliminare del processo contro Silvana De Mari, la dottoressa anti-gay accusata di diffamazione nei confronti del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli di Roma. Il capo di imputazione, per essere precisi, è “diffamazione continuata e aggravata”. Per lei è stato chiesto il rinvio a giudizio.

Le parole di De Mari

“Il circolo lgbt di Roma è intitolato a Mario Mieli – aveva dichiarato De Mari-, cantore di pedofili, necrofilia e coprofagia. Posso assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche? O che almeno non ne provino nausea? Posso?”.
“Evidentemente no – commenta in una nota il circolo romano -. Questa la risposta della Procura di Torino alla domanda della Dott.ssa De Mari, dopo l’ennesima esternazione che ha indotto la magistratura a richiedere il rinvio a giudizio, su querela del Circolo”. A difendere l’associazione, l’avvocato Michele Potè di Rete Lenford.

“Non restiamo a guardare”

“Sono anni che la dott.ssa De Mari e i suoi sodali attaccano impunemente e ferocemente il Circolo Mario Mieli e la comunitaria LGBT+ italiana – aggiunge Sebastiano Secci, presidente dell’associazione – questa volta però abbiamo scelto di non restare a guardare, per il rispetto che dobbiamo ai nostri soci e ai nostri 35 anni di storia associativa”. “Siamo felici che finalmente queste persone verranno chiamate a rispondere delle loro parole di odio davanti a un giudice – conclude Secci – e siamo fiduciosi che la magistratura saprà dire a chiare lettere che nel nostro ordinamento non c’è posto per queste gravi e infamanti illazioni”.

La denuncia del Torino Pride

Contro la dottoressa e scrittrice di libri fantasy aveva sporto querela anche il Coordinamento Torino Pride. A dicembre scorso, il gup di Torino aveva rifiutato la richiesta di archiviazione accettando la querela e aprendo, di fatto, il processo.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020