Categorie: Cool

Quando la famiglia è a colori? Scopritelo al cinema con Mamma + Mamma

Uscirà domani al cinema Aquila di Roma – dove ieri è stata proiettata l’anteprima nazionale, in una sola molto affollata con i rappresentanti delle associazioni e la senatrice Monica Cirinnà – e in molte altre sale italiane il film di Karole Di Tommaso, Mamma +Mamma (per la distribuzione della Bibi Film). Una storia delicata e leggera sulla genitorialità, sul diventare madri (sì, al plurale) e del difficile percorso che ciò comporta, in termini economici, affettivi, sociali. Una finestra dal forte sapore autobiografico, che concede molto all’ironia e alla spensieratezza attraverso un film che risulta sì “leggero”, ma mai superficiale. Tante sono, infatti, le forze in gioco.

Una galleria di personaggi profondamente umani

Karole Di Tommaso

La sapiente regia di Di Tommaso ci fa viaggiare tra Roma e il Molise, attraverso una galleria di personaggi, ora scenicamente più potenti (come Andrea, ingombrante ex di Eli) ora più sussurrate, ma ugualmente di peso, come la figura della madre di Karole — metafora del rifugio, quando la vita si fa più dura — o quella del nonno, vera chiave di volta degli eventi. Ma è anche viaggio onirico, dove le paure della protagonista diventano narrazione, paesaggio, gesto scenico, nella dimensione dei sogni di Carol, che ci restituiscono la sua umanità, la sua fragilità.

Una famiglia a colori

E poi le due protagoniste – interpretate da Linda Caridi e Maria Roveran – che nella loro profonda differenza si completano evocando il senso stesso di quella cosa che chiamiamo “famiglia”: lo vediamo dai “colori”, mora e mediterranea Karole, più eterea e quasi evanescente Eli. Lo tocchiamo, idealmente, nelle immagini delle cortecce degli ulivi e delle crepe del suolo inaridito di certe scene. Lo sentiamo dai suoni, dal dialetto molisano dell’una all’accento nordico e più carezzevole dell’altra. E questa complementarità si mescola nei ruoli che cambiano, di volta in volta, quando entrambe si fanno forza — a vicenda e in momenti diversi — quando i tentativi di fecondazione vanno a vuoto e quando il sogno sembra crollare, sotto i colpi di una realtà che nulla concede e a volte toglie, senza fare sconti.

Un San Valentino diverso

Per tutte e molte altre ragioni che non vogliamo dirvi, per non togliere spazio alla sorpresa e per non rovinare il gusto della visione del film, regalatevi un San Valentino diverso, domani. Andate al cinema – oltre a mettere il like alla pagina Facebook, per essere aggiornati su tutte le novità – mettetevi comodi e immergetevi in questa storia che racconta la più semplice delle verità: essere madri, essere famiglia, è qualcosa di più forte di qualsiasi dato biologico e di qualsiasi limite sociale. È qualcosa di forte, come la vita stessa.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omocausto: la vita di Pierre Seel, deportato gay, nel film di Giovanni Coda

Il film di Giovanni Coda gratuitamente in streaming fino a mezzanotte del 27 gennaio 2021.

27 gennaio 2021

27 gennaio, cosa intendiamo esattamente per memoria? Ce lo spiega il video di Frame

Per stimolare una riflessione su un concetto fondamentale della nostra storia umana, collettiva e personale.

27 gennaio 2021

L’Estonia ha la sua prima donna premier: è Kaja Kallas, avvocata ed europeista

L'Estonia diventa il primo paese al mondo ad essere governato da un tandem tutto al…

26 gennaio 2021

Biden revoca il ban contro le persone transgender nell’esercito degli USA

«Un esercito più inclusivo renderà ancora più forte il nostro Paese» ha dichiarato il neopresidente.

26 gennaio 2021

Stepchild adoption per una coppia di mamme separate: è la prima volta

Entrambe mamme dei loro gemelli, anche se non sono mai state unite civilmente e, soprattutto,…

23 gennaio 2021

Multietnica, 12 donne su 25 e Lgbt-friendly: ecco la squadra di governo di Joe Biden

Un segretario gay, una ministra nativa americana e il 50% dei componenti sono non bianchi.

22 gennaio 2021