Categorie: News

La Scozia chiede scusa agli omosessuali e concede una grazia postuma

Meglio tardi che mai: in Scozia arriverà la grazia postuma per uomini gay e bisessuali accusati di sodomia. Il provvedimento rientra nell’Historical Sexual Offences Act approvato dal parlamento scozzese nel giugno 2018.

L’OMOSESSUALITÀ ERA UN REATO

Il sesso tra uomini maggiori di 21 anni in Scozia è legale dal 1981. Ma i reati di “indecenza e sodomia” non sono mai stai cancellati dallo statuto fino al 2004, rimanendo nelle fedine penali. Questo ha comportato che alcuni uomini dovessero portare lo stigma di una fedina penale sporca, circostanza che in molti casi ha messo a rischio la loro possibilità di lavorare.

SCUSE UFFICIALI

La prima ministra Nicola Sturgeon si era già scusata ufficialmente per tutto questo nel 2017. «Oggi, categoricamente e di cuore, come prima ministra, chiedo scusa per queste leggi – aveva dichiarato -, per il dolore e il pericolo che hanno causato. Questo parlamento non può fare niente per cancellare quelle ingiustizie. Ma spero che queste scuse, insieme alla nuova normativa, possano portare sollievo a chi ne è stato danneggiato».

LA NUOVA LEGGE

Da ieri, quindici ottobre 2019, gli scozzesi che hanno subìto questo tipo di condanna potranno vederla cancellare dal casellario giudiziario. Il segretario alla Giustizia Humza Yousaf ha detto: «Non c’è spazio per l’omofobia, l’ignoranza e l’odio nella Scozia moderna. Questa normativa segna un punto di svolta e darà una grazia automatica a tutti gli uomini accusati di aver fatto sesso con altri uomini: adesso è completamente legale. Abbiamo lavorato fianco a fianco con la polizia scozzese e ad altri partner per assicurarsi che lo schema necessario a far cadere le accuse sia chiaro ed effettivo e che abbia dei salvavita appropriati».

PRECEDENTI

La nuova normativa scozzese è arrivata dopo che l’Home Office britannico era stato accusato di aver fallito la cancellazione delle condanne per condotta omosessuale. Il Protection of Freedoms Bill è in vigore dal 2012 con lo scopo di permettere a chi era stato accusato di sesso omosessuale di cancellare il reato.Un’inchiesta di The Guardian, però, aveva rivelato che solo ad un numero esiguo di queste condanne era stato effettivamente cancellato. La legge, insomma, era stata un fallimento.
A centinaia infatti non avevano potuto ottenere la grazia perché il reato di cui erano accusati, la condotta omosessuale in bagni pubblici, non era tra quelli “cancellabili”, nonostante il governo sapesse che era usato in maniera discriminatoria.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020

Diversity e inclusione: il webinar con Unar per lavoratrici e lavoratori Lgbti+

Un appuntamento sulla gestione delle differenze e della diversità nel mondo del lavoro.

20 ottobre 2020

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020