Categorie: News

Inseguito e minacciato: giovane gay si rivolge alla polizia, ma nessuno lo aiuta

Aveva appena salutato il suo ragazzo con un bacio, sul lungomare e si stava dirigendo verso casa a bordo della sua bicicletta quando è cominciato l’inseguimento, gli insulti e la paura. È successo giovedì sera a Pescara ad un volontario del locale circolo Arcigay Chieti. La denuncia arriva proprio dall’associazione che ha diffuso una nota per raccontare l’accaduto.
Secondo quanto riferisce Arcigay Chieti, salito sulla bici il ragazzo è stato subito inseguito da due uomini a bordo di un auto che gli urlavano contro insulti omofobici. Essendo l’auto più veloce della bici, i due hanno anche fatto diverse soste per aspettare il giovane, che intanto cercava di inventarsi un percorso diverso da quello che conduce a casa sua, per non rivelare loro il proprio indirizzo.

Al 113 non risponde nessuno, la Questura non lo aiuta

L’inseguimento e gli insulti sono andati avanti per un po’. In preda alla paura, il ragazzo racconta di avere chiamato prima il 113 senza ricevere alcuna risposta e poi la Questura che, però, gli ha detto di rivolgersi al 113. E non è tutto. Neanche una pattuglia che passava di lì è corsa in aiuto del giovane. Tuttavia, il passaggio degli agenti è stato sufficiente a fare scappare i due inseguitori.

Laa denuncia rifiutata

Il giorno dopo, il ragazzo si è recato sia in Questura che dai Carabinieri per sporgere denuncia: in nessuno dei due casi, però, la sua richiesta è stata accolta. La motivazione? Secondo quanto riporta l’associazione, gli agenti non avrebbero ritenuto di dovere accettare la denuncia perché, a loro avviso, non ci sarebbe stato alcun reato.

“Noi di Arcigay Chieti vogliamo sottolineare e denunciare quanto sia grave non solo l’inseguimento minaccioso con ingiurie operato ai danni del ragazzo, che ha subito una vera e propria violenza privata – si legge in una nota dell’associazione – quanto anche la totale assenza di aiuto delle forze dell’ordine, che altresì hanno frettolosamente liquidato il ragazzo, non curandosi minimamente del fatto che non spetta a loro giudicare la presenza o meno di un reato in un episodio di violenza e ingiuria”.

Torna, quindi, a pochi giorni dalla Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, il tema della legge che in Italia ancora manca.
Lo ricorda la stessa associazione come il ddl che avrebbe dovuto includere l’omofobia tra i reati perseguibili ha “è arenata ormai da anni proprio a causa di posizioni di veto davvero incomprensibili”.

I consigli dell’avvocato: “Gridate e prendete elementi utili”

Sulla vicenda, l’associazione ha chiesto un parere all’avvocato Andrea Cerrone. “In casi come questo, ancorché shockanti e paralizzanti, bisogna tentare di farsi coraggio, urlare vigorosamente, attirare l’attenzione dei passanti e, se possibile, riuscire a raccogliere qualche elemento che valga ad identificare gli autori di queste poderose gesta medievali – consiglia il legale -. È vero che l’ingiuria è stata recentemente depenalizzata, ma è altrettanto vero che rimane illecita ed è previsto l’obbligo alle restituzioni ed al risarcimento del danno, oltre che l’obbligo di pagare una sonante sanzione pecuniaria civile, che va da 100 ad 8.000 euro”.

Violenza privata

Secondo l’avvocato, poi, stando al racconto ci sarebbe anche la possibilità che i due inseguitori debbano rispondere di violenza privata. È un reato che si configura “ogni volta che qualcuno, con violenza o minaccia, costringa qualcun altro a fare, tollerare od omettere qualcosa”. “Usare un’automobile per inseguire un ragazzo in bicicletta, arrestare la marcia, spegnere i fari, attendere che si avvicini, vomitargli addosso offese con tono minaccioso – spiega l’avvocato – e poi, ancora, spostarsi più avanti, aspettare che passi di nuovo e tendergli lo stesso agguato, non so per quante volte complessivamente, non è soltanto raggelante, ma è anche un reato”.

“Le forze dell’ordine hanno il dovere di accettare la denuncia”

Apparirebbe quindi incomprensibile la decisione degli agenti di polizia e carabinieri di non accettare la denuncia del ragazzo. “Rimango basito dalla risposta frettolosa che ha rimediato questo ragazzo dalle Forze dell’Ordine cui si è rivolto – commenta Cerrone -. Non è compito degli Ufficiali di Polizia giudiziaria decidere se una determinata condotta celi o meno un’ipotesi di reato. Essi sono obbligati a raccogliere le denunce”. È poi il giudice a svolgere le indagini. Infine, l’avvocato consiglia, a chiunque dovesse vedersi negare la possibilità di denunciare, di rivolgersi ad un legale. “La violenza privata è punibile d’ufficio – conclude Cerrone -; dunque la Polizia Giudiziaria (od il P.M.) che leggesse dovrebbe immediatamente riconvocare questo ragazzo, scusarsi per l’inconveniente, ed ascoltare con attenzione quanto ha da dire”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Presunta omofobia in una scuola di Ragusa: cosa sappiamo del caso

"Gay e lesbiche andrebbero esorcizzati", frase choc in una scuola nel ragusano.

23 febbraio 2021

Omofobia, insultato nella sua casa di campagna: la denuncia dello scrittore Mandetta

Lo scrittore pubblica la sua foto in lacrime, dopo gli insulti ricevuti nel suo podere…

22 febbraio 2021

Famiglie Arcobaleno contro Raggi: “Costretti a mentire, per iscrivere i bimbi a scuola”

Il sistema informatico di Roma Capitale non dà la possibilità di inserire i nomi di…

17 febbraio 2021

Cosa ha detto Draghi sulle politiche di genere nel suo discorso per la fiducia

Il neo presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha pronunciato oggi al Senato il discorso con…

17 febbraio 2021

La Corte d’Appello assolve Pillon: “Attacchi all’associazione lgbt non sono reato”

La Corte d'Appello di Perugia ha ribaltato la sentenza di primo grado con la quale…

15 febbraio 2021

Governo Draghi, agli Affari giuridici nominato giudice contrario al matrimonio egualitario

Una nomina che fa discutere, per le idee di Carlo Deodato sul matrimonio egualitario.

15 febbraio 2021