Categorie: News

Indonesia: arriva l’app che denuncia gay, lesbiche e trans per blasfemia

Una nuova app per denunciare l’eresia sta spopolando nella popolazione indonesiana. È quanto denunciano alcuni attivisti Lgbt dello stato del Sud Est asiatico, dopo che l’ufficio del procuratore generale di Giacarta ha fatto sviluppare questa applicazione, Smart Pakem, per denunciare tutte quelle credenze e quegli atteggiamenti che vanno contro i principi religiosi. Secondo il sito di informazione Gay Star News, sarebbero già oltre un migliaio le persone che hanno scaricato il programma, con la complicità di Google, che lo indicizza nella sezione “educazione” del suo app store.

Persecuzioni, in nome di tutte le fedi

La app indonesiana per denunciare le eresie

Le associazioni arcobaleno, intanto, si dicono molto preoccupate perché l’applicazione rischia di aumentare il clima di intolleranza nei confronti delle minoranze sessuali – nello specifico – proprio per questioni relative alla fede. E il novero di eresie da condannare non si limita al solo islam, ma include molte altre religioni, da quelle cristiane alle filosofie orientali. Insomma, quando si tratta di perseguitare gay, lesbiche, trans, ecc, le differenze di credo sembrano svanire. I tribunali locali, ancora, grazie alle leggi che puniscono credenze e pratiche blasfeme, possono infliggere pene fino a cinque anni di reclusione.

Un peggioramento generalizzato

In verità sia l’omosessualità sia l’essere transgender non sono considerate pratiche illegali nello stato indonesiano. Eppure la situazione nell’arcipelago sta progressivamente peggiorando per una serie di cause, dal crescente fondamentalismo islamico – che ha portato ad un inasprimento contro la qualità della vita della comunità Lgbt – alla corsa alle elezioni per il prossimo anno, che vede nelle politiche omofobiche uno dei cavalli di battaglia dei vari leader nella corsa elettorale. Le amministrazioni locali, infine, hanno anche introdotto leggi ad hoc per colpire la gay community. Un quadro decisamente poco incoraggiante.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020