Categorie: Aiuto il gender!

Dal gender alla caccia alle streghe: il nuovo corso della Lega di Salvini?

Ero rimasto incuriosito per una condivisione di un’amica, che qualche giorno fa aveva pubblicato su Facebook la notizia di una “strega” invitata in una scuola a praticare riti pagani (e, per era impostata la questione, anche in odor di satanismo). La cosa mi stupiva non tanto per il fatto in sé, quanto perché era stato permesso alla donna di far assumere alle piccole vittime dei suoi incantesimi delle pozioni magiche. E qui la cosa si complica non poco…

A scuola di magia nera…

Ramona Parenzan

Chi lavora a scuola sa quanto possa essere difficile anche solo accedervi per fare una conferenza su particolari temi, figurarsi evocare il Maligno e somministrate intrugli a base d’erbe. Poi, riconosciuta la fonte da cui proveniva la notizia – la solita stampa ad uso e consumo dei cattolici fanatici – ho capito che doveva essere successo ciò che accade quando si parla di “gender” e dintorni: succede qualcosa, la si travisa completamente e si crea il mostro da sbattere in prima pagina. Ed è ciò che è accaduto alla scrittrice Ramona Parenza, invitata a leggere delle fiabe a sfondo fantasy.

La denuncia sull’Espresso

A denunciare il tutto è Simone Alliva, dalle pagine dell’Espresso on line: si tratta, in verità, di «un progetto interculturale promosso dalla biblioteca civica e finanziato dal Comune, deliberato dal consiglio d’istituto e presentato ai genitori. Si raccontano “Le Fiabe e racconti dal mondo” dall’Afghanistan al Pakistan» spiega la direttrice della scuola dove sarebbe stato consumato il rito propiziatorio, Sabina Stefano, dirigente di un istituto nel bresciano in cui si è svolta la vicenda.

Streghe e pozioni? No, scrittrici e fiabe

E cosa c’entrano le streghe, gli amuleti e le pozioni magiche? «Il progetto prevedeva la drammatizzazione, l’interpretazione teatrale delle fiabe» spiega ancora la preside, «un viaggio immaginario su una piroga, un piccolo libro sui cui scrivere la frase significativa di questo percorso, la consegna di una conchiglia. La signora si è vestita in costume tipico perché l’obbiettivo era la condivisione di una cultura altra». Sabina Stefano annuncia, intanto, azioni legali contro chi ha raccontato di lezioni di magia nera. Una fake news che, per altro, ha portato i soliti fanatici a minacciare la scrittrice che ha partecipato al progetto, sul suo profilo Facebook.

L’avvocato Simone Pillon

La crociata del senatore Pillon

Intanto la politica non sta certo con le mani in mano: «Nelle scuole della mia Brescia, dopo il Gender, sono arrivati a imporre la stregoneria, ovviamente all’insaputa dei genitori» è l’urlo di dolore del neosenatore Pillon, eletto tra le file della Lega e già noto al movimento Lgbt per certe sue posizioni. «Vogliamo insegnare ai nostri bambini l’italiano, la matematica, l’arte, la musica e lasciar perdere queste porcherie?» si chiede, rilanciando, ruggente: «Appena insediato farò una interrogazione parlamentare su questa vergognosa vicenda, perché è la Costituzione a garantire il diritto dei genitori, e solo dei genitori, a educare i propri figli».

Soldi pubblici e pallottole d’argento

Adesso, è ben noto che tra l’elettorato di certi movimenti politici si è molto sensibili allo sperpero di denaro pubblico. Sarebbe il caso che tra i sostenitori e le sostenitrici del partito di Salvini ci si interrogasse, e approfonditamente, se aver mandato a Palazzo Madama un signore del genere sia stata scelta oculata, a tale proposito. Non vorrei, infatti, che i soldi dei/lle contribuenti finissero domani nella sovvenzione di proiettili d’argento per far fronte ai licantropi, o detrazioni fiscali per le fabbriche di paletti di frassino per sconfiggere la piaga del vampirismo. D’altronde, se si crede alle streghe – forse anche in relazione ad un certo modo di vivere la propria fede cattolica – tutto è possibile. Converrete.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020