Bussetti, no a progetto contro bullismo omofobo: ma non l’ha neanche letto

Il ministero della Pubblica istruzione, in piena coerenza con i sentimenti poco gay-friendly che caratterizzano la maggioranza giallo-verde dell’attuale governo, ha deciso di bloccare un progetto di monitoraggio sul bullismo omofobico nelle scuole dell’Umbria. Il progetto, coordinato dal professor Federico Batini, è stato realizzato insieme alla Regione ed era stato avviato in una serie di scuole che avevano aderito all’iniziativa. Quindi la protesta della Lega umbra e il pronto intervento di Viale Trastevere.

Le decisioni del ministro

L’avvocato Simone Pillon

In un’intervista al Corriere dell’Umbria, il ministro Bussetti dichiara: «Ho parlato con l’Ufficio scolastico regionale e i questionari sono fermi. Li abbiamo bloccati, Abbiamo chiesto di rivederne la formulazione e di cambiare le modalità di realizzazione del progetto, che non risulta abbia avuto accoglienza positiva. Anzi, stando ai numeri, le scuole lo hanno rifiutato». Riguardo alla sua valutazione del progetto stesso, il ministro ammette candidamente: «Non l’ho letto». Insomma, uno stop sulla fiducia. Ascoltando personaggi e partiti dichiaratamente omofobi.

Le bufale di Pillon, le risposte di Batini

Ad inveire contro il progetto, infatti, niente meno che il senatore Pillon, che aveva agitato il solito spettro del gender, accusando che il progetto era stato calato dall’alto, senza il consenso delle famiglie. Accusa rigettata in pieno da Batini, che spiega in un’intervista: «Non è vero che abbiamo già somministrato i questionari, non è vero che non chiediamo il consenso delle famiglie». Lo scopo della ricerca, a cui si aderisce volontariamente e con il consenso dei genitori, spiega il professore, è quello di monitorare la situazione relativa alle violenze omofobiche proprio tra i banchi scolastici.

Bucaioni, Omphalos: “Dov’è Spadafora?”

Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos

Insomma, tutto sembra essere stato fatto in termini di legge e con il consenso delle famiglie. Le ragioni per cui Pillon e forze politiche di destra radicale si sono inalberati parlando di gender, sono facilmente intuibili. Così come denuncia Stefano Bucaioni, in un suo comunicato su Facebook: «Pur di bloccare qualsiasi intervento contro omofobia e discriminazioni» scrive il presidente di Omphalos, la Lega «racconta bufale e mette in discussione la libertà di ricerca delle nostre università. Mi chiedo dove siano i compagni di governo del M5S e che fine abbiano fatto le promesse del Sottosegretario Vincenzo Spadafora di arginare questa deriva oscurantista». L’attivista conclude quindi con la sua solidarietà al prof. Batini.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020