Mr FtM Italia, a Bologna la terza edizione: McNill arriva “Il Gender”

La terza edizione di Mr FtM Italia si è svolta sabato 26 maggio al Cassero di Bologna. Tanti e tante gli ospiti d’eccezione in una giuria che ha cercato di rappresentare tutte le anime del movimento Lgbt+.

Il concorso

“Un Pride travestito da concorso di bellezza – così lo ha definito Vincenzo Branà, presidente di Arcigay Il Cassero -. Una serata divertente e commovente assieme, da cui sono uscito orgoglioso e piccolo, piccolissimo, davanti all’enorme bellezza della comunità a cui appartengo”.

Un’edizione ricca, durante la quale si sono viste alcune facce conosciute e tante facce nuove.

Carmen Aurora Pitari, matrona e organizzatrice della serata, è riuscita nell’arduo compito di fare politica attraverso lo spettacolo.

Complici anche i due conduttori, Matteo “Divine” Miglio e Sofia Lapapessa.

Mr FtM: i vincitori

Non uno, ma ben tre quest’anno e in tre diverse categorie.

Premio per la categoria “Young” al giovanissimo Alessio, ragazzo di appena 16 anni e arrivato a Bologna con la madre.

Il premio della giuria più irriverente della storia dei concorsi di bellezza – Magda Aliena, Diana Bludura, Panda Osiris e Dino Fonti – è invece andato al bolognese Riccardo Stanzani: è lui Mr FtM Canotta Bagnata.

Si aggiudica il titolo di Mr FtM Italia, invece, Emanuele Ciro.

Il Gender

McNill, rapper bolognese d’adozione, ha regalato a partecipanti e spettatori un momento di pura festa salendo sul palco e intonando le rime del suo singolo “Il Gender”.

“Un inno liberatorio che ha scatenato una festa straordinaria”, continua Branà dal suo profilo Facebook, che aggiunge: “Ecco: ora il video ha quasi 45mila visualizzazioni. Per una volta facciamo davvero la #lobbygay, facciamo crescere quel numero all’infinito e ballando sconfiggiamo l’odio”.

Il video, per ora, sfiora le 43mila visualizzazioni. E noi ve lo facciamo rivedere.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020