Categorie: News

Gay street, in fin di vita dopo incontro al Colosseo a Capodanno

Era stato ritrovato dopo una rovinosa caduta di oltre cinque metri, la notte di capodanno, nella collinetta vicina al Colosseo e portato in ospedale per lesioni molto gravi alla testa. A distanza di otto giorni, la polizia municipale sembra aver rintracciato il presunto colpevole, un ragazzo di origine macedone che secondo la ricostruzione della dinamica, avrebbe spinto giù – riducendolo in fin di vita – un traduttore messicano di ventinove anni che era arrivato a Roma per festeggiare l’ultimo dell’anno insieme ad alcuni amici.

La dinamica incerta dell’aggressione

Uno scorcio della Gay Street romana

La dinamica dell’aggressione non è ancora del tutto chiara. La giovane vittima – di cui non è stato fornito il nome, per questioni di privacy – si era recata alla Gay Street insieme ai suoi amici per festeggiare prima di recarsi a Muccassassina. Lì avrebbe incontrato un ragazzo, di origine macedone, e si sarebbe appartato con lui allontanandosi dal suo gruppo, sulla collinetta dietro il Colosseo, forse alla ricerca di maggiore intimità. Da quel momento varie sono le ipotesi per cercare di spiegare cosa è successo tra i due: non è ancora chiaro, infatti, se la lite si è generata per questioni di denaro – il Corriere parla di “prostituto gay” forse con troppa leggerezza – o per altre ragioni.

Il rischio di danni permanenti

Di certo, il traduttore messicano è stato ricoverato e operato d’urgenza e rischia di riportare danni permanenti per aver battuto la testa. Le forze di polizia municipale stanno ancora svolgendo le indagini per chiarire la reale dinamica dell’accaduto. Il ragazzo macedone, rintracciato dagli agenti, ha ammesso di avere delle responsabilità nell’accaduto ma non si è capito se c’è dolo o se si è trattato di un mero incidente. I medici, intanto, valutano le condizioni del paziente per capire se ci sono conseguenze cerebrali invalidanti.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020