News

Festa di Capodanno, cacciata coppia gay da locale: ragazzi difesi da amici

Capodanno dal sapore dolce-amaro per una giovane coppia a Grosseto: al veglione di fine anno, infatti, i due – che con gli amici erano andati in un locale a ballare ad una festa privata per adolescenti – sono stati prima spintonati e poi cacciati da un buttafuori, che li avrebbe visti in atteggiamenti intimi. L’uomo ha motivato la sua aggressione dicendo che quello non era un locale per quel tipo di manifestazioni e a nulla sono servite le proteste degli altri ragazzi che hanno provato a fare scudo attorno agli amici.

Un eccesso di violenza da parte del buttafuori

Come riporta il Tirreno, il buttafuori – avendoli visti mentre si baciavano – avrebbe detto: «Qui uomo e uomo non è ammesso». Quindi ha preso uno dei due ragazzi, per altro un sedicenne, afferrandolo per un braccio e spingendolo verso un muro. Di questa storia colpiscono innanzi tutto la solerzia dell’addetto alla sicurezza, che avrebbe agito in totale autonomia senza nessuna direttiva da parte degli organizzatori, e soprattutto l’eccesso di violenza verbale – con tanto di epiteti omofobi – e di forza verso due minorenni che non facevano nulla se non ballare e baciarsi, come molti altri in quel locale.

Gli organizzatori dalla parte della coppia

Gli amici della coppia hanno protestato vivamente, ma non c’è stato nulla da fare. L’uomo ha preso i due ragazzini e li ha cacciati via. Per fortuna, oltre alla solidarietà degli altri ragazzi lì presenti, è arrivata anche la decisione da parte degli organizzatori della festa. I quali, per rimediare a quanto fatto dal buttafuori, hanno riammesso dentro il locale la coppia. «Uno dei due ragazzi è un mio amico, li ho invitati io» ha dichiarato uno dei due organizzatori al Tirreno, chiarendo che dopo lo spiacevole episodio «sono stati fatti subito rientrare».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024