Categorie: News

Ucciso perché socialista e omosessuale: cosa ci insegna la storia di Federico Garcia Lorca

Ci sono tragiche ricorrenze che disegnano inquietanti connessioni, tra passato e presente: la morte di Federico Garcia Lorca, nel modo in cui è avvenuta – e collocata in un contesto politico particolare, come quello dell’avvento del franchismo in Spagna – è una di queste. Ma ricordiamo il poeta, nonché grande personaggio, che ricercato dal regime di Franco fu arrestato e poi ucciso, senza alcun processo. Era il 19 agosto del 1936. La guerra civile era appena cominciata. Il fascismo era alle porte. Lorca fu trovato in casa di amici e condotto in una località vicina Granada, Viznar. Lì venne assassinato.

Ucciso perché socialista, massone e omosessuale

«Fu ucciso perché era “socialista, massone appartenente alla loggia Alhambra” e “praticava l’omosessualità e altre aberrazioni». Questo quanto si legge in un documento recentemente scoperto e riportato alla luce dagli archivi della polizia franchista. Un regime, quello di Franco, che arrivò al potere dopo un tentato golpe e dopo l’aiuto di personaggi quali Hitler e Mussolini. Allora, come oggi, il contagio nero del nazi-fascismo faceva presa in quasi tutto il vecchio continente. Oggi lo chiamiamo sovranismo, o populismo. Oggi, come allora, si accanisce contro le minoranze. Basta vedere cosa succede in certi paesi dell’est contro persone transgender – come in Ungheria – e contro la comunità Lgbt+, più in generale. Le cronache che arrivano dalla Polonia non fanno ben sperare.

L’amore con Dalì

Lorca e Dalì in una foto d’epoca

Praticava l’omosessualità e altre aberrazioni, secondo gli scagnozzi di Francisco Franco. Ma a leggerne la biografia, scopriamo che Federico Garcia Lorca fu un intellettuale di spessore, un poeta innamorato della vita e non solo: nota è la sua relazione con Salvador Dalì, con cui ci fu un intenso carteggio – letterario e amoroso – che durò fino all’anno della morte del poeta. «Federiquito, nel tuo libro ho visto te, la bestiolina che sei, bestiolina erotica» gli avrebbe scritto Dalì, «con il tuo sesso e i piccoli occhi del tuo corpo…il tuo alluce in stretta corrispondenza col tuo p…».

Fascismo e sovranismo, nemici delle persone Lgbt+

I fascismi, che siano quegli storici nati negli anni tra le due guerre, o quelli più recenti sorti nell’Europa un tempo sovietica e oggi amata dai “sovranisti” nostrani, non amano le persone Lgbt+. Cambia il tipo di violenza, che può essere giuridica nei casi più blandi – ma non meno oppressivi – o può incidere sulla sicurezza delle persone, fino a portarne all’assassinio. Ma la logica è sempre quella: rendere invisibili i soggetti divergenti. «Nonostante la promessa di rilasciarlo in libertà nel caso in cui non vi fossero denunce a suo carico, il Governatore Guzman dà l’ordine segreto di procedere con l’esecuzione» E a Viznar, Federico Garcia Lorca «trovò la morte tramite fucilazione da un plotone di sei uomini (ai quali furono promessi 300 pesos ed una promozione)». Il corpo finì in una fossa comune. L’opera del poeta fu sottoposta a pesanti censure fino alla morte del tiranno.

L’eredità di Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca

Fu ucciso perché socialista, massone e omosessuale. Così riporta il verbale della polizia di regime. Ma proviamo a leggere tra le righe di quelle che erano accuse, all’epoca. Lorca era uno scrittore militante, che rifiutava la violenza del suo tempo, l’ideologia nazionalista pronta a decadere nel volgare fascismo di Franco. Presagendo la catastrofe, a Lorca fu proposto di lasciare il paese e trovare asilo politico in America Latina, ma il poeta rifiutò e decise di restare a Granada. Scelta che si rivelò fatale. E che spiegò in un’intervista ad un quotidiano madrileno.

Contro il nazionalismo

«Io sono uno Spagnolo integrale e mi sarebbe impossibile vivere fuori dai miei limiti geografici; però odio chi è Spagnolo per essere Spagnolo e nient’altro, io sono fratello di tutti e trovo esecrando l’uomo che si sacrifica per una idea nazionalista, astratta, per il solo fatto di amare la propria Patria con la benda sugli occhi. Il Cinese buono lo sento più prossimo dello spagnolo malvagio. Canto la Spagna e la sento fino al midollo, ma prima viene che sono uomo del Mondo e fratello di tutti. Per questo non credo alla frontiera politica». Parole che, oggi più che mai, risuonano non solo come testimonianza della storia, ma come eco di un passato che torna. Minaccioso. E che va fermato, prima che sia troppo tardi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020