Categorie: News

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista? O Federica Pellegrini? Eppure, per lo Stato, loro e molte altre atlete non lo sono: se sei una donna e fai sport – con eccezione delle appartenenti ai gruppi sportivi militari – non puoi essere considerata professionista.
Fino a ieri, almeno, quando si è aperto uno spiraglio che tutto il mondo dello sport femminile aspettava da quasi trent’anni.
La commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla manovra economica che finalmente potrà aprire le porte del professionismo anche alle donne.

LA NOVITÀ per le sportive

La notizia è arrivata mercoledì 11 dicembre, nel tardo pomeriggio. La commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla manovra – a firma Partito Democratico – che finalmente equiparerà le donne agli uomini. L’emendamento prevede l’estensione delle tutele previste dalla legge sulle prestazioni di lavoro sportivo, prima precluse alle atlete. Il testo prevede anche l’introduzione di un incentivo – che partirà a gennaio 2020 e terminerà nel 2022 – per le società che stipuleranno con le atlete contratti di lavoro sportivi. Per queste società sarà previsto l’esonero del versamento del 100% dei contributi previdenziali e assistenziali entro il limite massimo di 8mila euro di su base annua.

ASSIST: «PREMATURO PARLARE DI RIVOLUZIONE

L’emendamento della commissione, però, rischia di essere una vittoria di Pirro. A sottolinearlo è l’Associazione Assist, da anni portabandiera delle atlete azzurre in questa battaglia per la parità dei diritti. Nel post si legge: «L’emendamento della Commissione Bilancio del Senato per le ASD che promuoveranno il #professionismosportivo è senz’altro una buona notizia, ma è secondo noi assolutamente prematuro parlare di rivoluzione e di vittoria. Perché sia davvero così serve agire sulla Legge Delega. Sono vent’anni che chiediamo parità, ma perché sia così non basta un emendamento. Attendiamo fiduciose il lavoro del Ministro Spadafora per far sì che la notizia sia realmente tale. #atlete».

LA LEGGE n.91 DEL 1981: IL PECCATO ORIGINALE

Per comprendere quale potrà essere, al netto della necessità della Legge Delega, la portata di questo emendamento occorre fare un passo indietro e tornare al 1981, anno di promulgazione dell’attuale legge che disciplina i contratti di lavoro sportivo, la n. 91. All’articolo 2 si legge: «Sono sportivi professionisti gli atleti, gli allenatori, i direttori tecnico-sportivi ed i preparatori atletici, che esercitano l’attività sportiva a titolo oneroso con carattere di continuità nell’ambito delle discipline regolamentate dal Coni e che conseguono la qualificazione dalle federazioni sportive nazionali, secondo le norme emanate dalle federazioni stesse, con l’osservanza delle direttive stabilite dal Coni per la distinzione dell’attività dilettantistica da quella professionistica».

Le sportive, dilettanti per legge

L’interpretazione che è stata data fino a questo momento di questa legge ha creato una contrapposizione tra il “professionismo di fatto” degli atleti e il “dilettantismo imposto alle donne”. Con tutte le complicazioni del caso.
Gli accordi tra atlete e società sono (stati) di tipo privato, così come lo sono gli aspetti assicurativi. Il che implica che a fronte di un impegno sportivo di fatto paragonabile a un lavoro – per ore di allenamento, trasferte e annessi – non esista alcuna certezza di retribuzione. E quando arriva consiste spesso piccoli rimborsi o di gettoni di presenza.
A fine carriera la situazione si complica ulteriormente. Non solo il Tfr è un miraggio, ma si corre il rischio di creare un enorme punto interrogativo sul futuro delle atlete una volta smessi i panni sportivi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020