Categorie: News

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia di Oristano, ha deciso di rompere la catena di insulti e vessazioni ricevuti da sua madre e da suo fratello: ora la vicenda è finita in tribunale.

ORDINARIA OMOFOBIA

P.P., queste le iniziali dell’uomo secondo L’Unione Sarda, avrebbe subito per almeno tre anni insulti e umiliazioni da parte della madre e del fratello. La vittima, sposato e con tre figli, avrebbe fatto coming out solo quale anno fa, parlandone in primis con la moglie. Quest’ultima avrebbe accettato con serenità il coming out del marito.
Lo stesso evidentemente non è stato per la madre e per il fratello di P.P. che pare non abbiano mai accettato la sua nuova relazione con un uomo.

«SOLO IL SUICIDIO SALVA IL DISONORE»

P.P., che di lavoro fa l’allevatore, ha raccontato al quotidiano sardo che sua madre «disse che non voleva un figlio omosessuale, che per lei ero morto e che avrebbe fatto in modo di portarmi via i bambini».
Poi, in un crescendo di insulti, la frase che fa gelare il sangue, soprattutto se detta da una madre: «Mi diceva che solo il suicidio avrebbe lavato il disonore che stavo creando alla nostra famiglia».

TENTATIVO DI COINVOLGERE I FIGLI

Sono parole talmente pesanti che P.P. pensa davvero al suicidio, soprattutto quando da parte della madre arrivano accuse di prostituzione e pedofilia. La goccia che fa traboccare un vaso già colmo arriva quando la donna dice ai figli di P.P.: «ai tempi di Hitler quelli come il babbo finivano nelle camere a gas e diventavano saponette».
Poi è stato il momento delle percosse e le minacce di morte.

IN TRIBUNALE PER STALKING, NON PER OMOFOBIA

P.P. dice basta e insieme all’avvocata Romina Marongiu si costituisce parte civile contro la madre e il fratello. Naturalmente, la denuncia parla di stalking e non di omofobia, dato che non c’è una legge che la condanni. La linea della difesa sta provando a sviare l’attenzione su questioni economiche. La madre ha dichiarato: «Non ho mai saputo nulla dell’omosessualità di mio figlio, me lo ha detto a bruciapelo senza darmi il tempo di capire. Non è colpa mia se non riesco a concepirlo, sono una donna all’antica».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020